Guardia Sanframondi, Amedeo Ceniccola: lettera aperta a Libero Rillo

pubblicato in: Notizie dal Sannio | 0
  
  

Egregio Presidente, prima di tutto desidero congratularmi con Lei per la serietà  che ha sempre caratterizzato il suo lavoro alla guida del Consorzio di Tutela del Vino del Sannio, nel contempo, sono qui per farLe una domanda dopo aver letto la Sua “dichiarazione” sul prezzo delle uve pagate ai zappatori-vignaioli in questa vendemmia (da tutti considerata da record per la qualità delle uve) e pubblicata sulle pagine -Speciale- del quotidiano “il Mattino” oggi in edicola.

A suo parere: “I prezzi sono stati sostanzialmente invariati rispetto allo scorso anno”. A mio modesto avviso, dopo aver sentito tanti vignaioli della Valle del Vino le cose sono andate, purtroppo, peggio dell’anno precedente e non solo per “le uve in sofferenza, come i grappoli di falangina del fondovalle” come Lei afferma nella nota pubblicata,

  
  

Comunque, prendo atto del Suo pensiero e me ne faccio una ragione, però, mi consenta di rivolgerLe una domanda:

  • che fine hanno fatto le aspettative evocate quando è partita l’avventura del Sannio-Falanghina (costata ben 500 mila euro ai cittadini della Campania)  che avrebbe dovuto segnare una “svolta epocale” per il Sannio?

In attesa di un cortese riscontro, Le porgo i miei migliori saluti.

Amedeo Ceniccola

ex Sindaco di Guardia Sanframondi

Fondatore della Casa di Bacco

VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Guardia Sanframondi, Amedeo Ceniccola: lettera aperta a Libero Rillo, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Print Friendly