Accadde oggi: 24 dicembre 1999, il grande Giubileo del 2000 di Giovanni Paolo II

postato in: Accadde oggi | 0
Condividi articolo

Il Giubileo del 2000 è quello ricordato come uno dei più riusciti degli ultimi decenni. Poco prima della Santa Messa di mezzanotte del 24 dicembre 1999, Papa Giovanni Paolo II diede inizio al Giubileo con l’apertura della porta santa della basilica di San Pietro, come simbolo di apertura delle porte di grazia. Durante i giubilei, i pellegrini che visitano le basiliche per ottenere l’indulgenza del Giubileo entrano nelle basiliche attraverso queste porte speciali. L’inno ufficiale fu il brano “Gloria a te Cristo Gesù”, composto da Jean-Paul Lécot e presentato per la prima volta al pubblico da Andrea Bocelli.

Durante l’anno giubilare, Giovanni Paolo II compì svariati pellegrinaggi e furono molti i gesti simbolici non previsti dalle pratiche usuali dei festeggiamenti.
Il 18 gennaio del 2000, il Papa tenne una messa in San Paolo fuori le Mura con una celebrazione ecumenica con la partecipazione di ventidue chiese cristiane di tutto il mondo: nella predica, auspicò “un futuro non lontano in cui i cristiani possano tornare a camminare insieme come unico popolo“. Tra febbraio e marzo, Giovanni Paolo II fece inoltre un pellegrinaggio in Terra Santa, incoraggiando il dialogo tra chiesa cattolica, Islam ed ebraismo. Il 15 giugno il Papa pranzò in un palazzo del Vaticano con duecento poveri, regalando loro una busta con dei soldi, come gesto simbolico.
Per molti il culmine del Giubileo fu la Giornata Mondiale della Gioventù, che si aprì il 15 agosto del 2000 con un’enorme celebrazione in piazza di San Giovanni a Roma. Più di due milioni di giovani, a cui venne conferito il nome Papaboys, si riunirono in preghiera nella zona di Tor Vergata. Due deejay scaldarono la folla prima dell’arrivo del Papa incitando cori, applausi e slogan. Tuttora rimane una delle più vistose manifestazioni di piazza tenute in Italia negli ultimi vent’anni. Domenica 29 ottobre allo stadio Olimpico di Roma, invece, si tenne il Giubileo degli sportivi con la partita tra la Nazionale di calcio italiana, allora guidata da Giovanni Trapattoni, e una selezione di campioni stranieri della Serie A guidata da Sven-Göran Eriksson e Fabio Capello, allenatori rispettivamente di Lazio e Roma. Fu convocato anche Roberto Baggio e la partita si concluse, dopo 45 minuti, con il risultato di 0-0.

Il Giubileo si chiuse il 6 gennaio 2001 con la Messa dell’Epifania. La notte precedente, la Basilica di San Pietro rimase aperta fino a che l’ultimo pellegrino passò attraverso la porta santa, verso le ore 03:00 della notte del 6 gennaio.

Print Friendly, PDF & Email