Della Peruta: “Ex Banco di Napoli storica sede dell’Ufficio della Conciliazione un valore strategico per il rilancio del centro storico“

postato in: Elezioni 2020 | 0
Condividi articolo

Nota Stampa – Paolo Della Peruta

Tanti i progetti della squadra ‘Dei Goti con Carmine Valentino sindaco’, diverse le iniziative da mettere in campo dal 22 settembre… ad approfondirne qualcuna è Paolo Della Peruta, candidato consigliere nella lista ‘Dei Goti’:“Nel programma presentato dalla lista ‘Dei Goti con Carmine Valentino Sindaco’ – afferma Della Peruta – tante sono le idee e i progetti che questa squadra intende realizzare nel prossimo quinquennio.In ogni caso ed al netto di quanto si realizzerà dopo il risultato elettorale del 20 e 21 settembre, risulta opportuno evidenziare l’attenzione e l’abnegazione dimostrata nel decennio della sindacatura Valentino per la risoluzione di tante problematiche, con particolare interesse per il mantenimento dei servizi essenziali per la nostra città. Emblematica in proposito la questione inerente gli Uffici Giudiziari, con la Giunta Valentino impegnata a creare le condizioni affinché l’Ufficio non fosse trasferito altrove.

Una battaglia che, si badi bene, – spiega ancora il candidato della lista ‘Dei Goti – non era solo a vantaggio della classe forense, ma in particolar modo dei cittadini, delle imprese e di quell’economia locale che beneficia tutt’ora di un volano quotidiano di presenze e di consumo, oltre che di eventuali risoluzioni di carattere giudiziario. Così come è stata lungimirante la scelta, e questa è storia più recente, di allocare, in un prossimo futuro, l’Ufficio del Giudice di Pace nel centro storico cittadino e precisamente nell’edificio dell’ex Banco di Napoli.

Anche detta scelta risulta frutto di programmazione e di politica programmatica, risultando l’edificio ex Banco Napoli storica sede dell’Ufficio della Conciliazione.Un immobile, quest’ultimo, di valore strategico per il rilancio del nostro centro storico, e che oggi è pronto a rinascere grazie ad un finanziamento di 2.450.000 di euro, di cui il 20% è già depositato nelle casse comunali. Questi i dati ed i fatti di cui non tutti possono vantare e soprattutto nessuno può oscurare, – conclude Della Peruta – ma che si contrappongono al tanto, quanto futile, chiacchiericcio tipico di ogni competizione elettorale”.

Print Friendly, PDF & Email