“Tutti Telese” presenta il candidato Vittorio Iovino

postato in: Elezioni 2020 | 0
Condividi articolo

Un altro nome nella rosa dei candidati in corsa per il rinnovo del Consiglio Comunale di Telese Terme, nella lista Tutti Telese, che vede alla sua guida Giovanni Caporaso. Questa volta si tratta di Vittorio Iovino, che così si presenta alla sua comunità: “Ho deciso di candidarmi al fianco di Giovanni Caporaso con Tutti Telese. Sono un telesino d.o.c. e amo questa Città. Ho visto Telese crescere e progredire diventando il fulcro economico e sociale della Valle Telesina. Negli ultimi anni, ahimé, l’ho vista anche diventare una cittadina sciatta e senza un’anima, con molte attività economiche chiuse, locali commerciali vuoti anche nelle zone centralissime della cittadina e soprattutto con un dilagante senso di abbandono che la pervade come un cappa grigia che ricopre tutto e tutti senza far trapelare luce.

Ho girato molto e ho avuto la fortuna di conoscere e vivere significative esperienze di studio e professionali, visitare posti, apprendere ed applicare visioni e tecniche ottimali per la valorizzazione e la gestione di contesti complessi, come lo è, certamente, una Comunità di Cittadini. Da più di un anno, per una scelta di cuore, ho ripreso l’attività familiare continuando e migliorando la tradizione alberghiera e ristorativa ormai alla quarta generazione. Mi candido per dare una mano alla mia Città: mettendo a disposizione quello che ho imparato e sperimentato negli anni, per rilanciare lo sviluppo turistico e sociale della nostra Telese. Il filo conduttore che pervade tutte le mie esperienze lavorative e umane è fare tutto per amore.

Per questo ho scelto di candidarmi nella lista Tutti Telese: perché voglio essere parte attiva, offrire il mio contributo diretto per la rinascita della nostra Città, con orgoglio e tanta passione. Non da solo, però: abbiamo bisogno di ogni telesina e di ogni telesino. La Città Popolare che abbiamo in mente si fonda sulla voglia di ogni Cittadino di mettersi in gioco, mettendo a disposizione del nostro progetto collettivo le proprie esperienze, la propria sensibilità, il proprio punto di vista sulle cose”.

Print Friendly, PDF & Email