32enne campano colpito gravemente dal covid, ecco la sua testimonianza

postato in: Notizie dalla Campania | 0
Condividi articolo

Si tratta del coordinatore dell’Associazione antimafia Libera Campania, Mariano Di Palma, che è stato colpito duramente dal covid. E proprio dal suo letto d’ospedale a Scafati ha rilasciato la sua testimonianza, dura e allo stesso tempo importante. Mariano ha 32 anni e non ha alcuna patologia pregressa e la sua è la testimonianza di come il covid stia colpendo sempre di più le persone giovani. “Torno a scrivere su fb dall’ospedale covid di Scafati dove da ieri sono ricoverato di urgenza. Non fanno bene queste immagini a chi mi conosce e mi vuole bene, ma sento il dovere di far capire a tutte e tutti quanto è rischioso questo virus tremendo. Perfino su di me che ho 32 anni e nessuna patologia può prendere una polmonite aggressiva tale da tenermi a letto, potendo essere nutrito solo per via endovenosa.

La situazione non è affatto semplice. Uscirne sarà un cammino lento con lentissimi miglioramenti quando ci saranno. Le terapie sono dure. Gli strumenti degli ospedali pochissimi. Qui manca il ‘casco’ solo per dirne una. E questi sarebbero i miracoli fatti in questi mesi? Per fortuna abbiamo un personale medico ingegnoso e coraggioso che non si risparmia in cura e gentilezza. Che umanità bellissima queste dottoressa e questi infermieri. So che questa sofferenza e questo silenzio (non riesco a parlare) saranno un salto di profondità e visione per il futuro. Certamente mi cambierà tutto questo rendendo la mia tempra più dolce e più intensa. Ho visto i messaggi di tutti in questi giorni. A migliaia. Mi avete donato sorrisi e lacrime di gioia. Siete state e siete maestri, compagni di strada, persone che amo nel profondo, amici di una vita, fratelli e sorelle non di sangue, ma di vita, umanità, empatia, bellezza. Non dimentichiamoci di cambiare questo fortuito mondo. Tengo duro solo per questo. Fate attenzione. Evitate contatti. Il virus in Campania è fuori controllo. State attenti. Le misure e le disponibilità delle nostre strutture sono fragili a causa di politiche scellerate, ma ora mentre lottiamo giustamente per questo, non perdiamo di vista di stare attenti a noi e ai nostri cari. Entrambe le cose assieme per non perdere cura e impegno.
Vi voglio bene. È una cosa così bella da poter dire”.

Print Friendly