Alunna dedica poesia al compianto prof Vincenzo Carbone

Condividi articolo

Dolore, rabbia, incredulità, vuoto, sgomento: ecco cosa ha lasciato la morte improvvisa del prof. Vincenzo Carbone ai familiari, amici, comunità scolastica, alunni, insegnanti. Alla comunità di Bellona, a quella del Liceo Scientifico Giordani, in cui insegnava, ed era amico di docenti e ragazzi, docente di sostegno e punto di riferimento per tutti. Un uomo amato anche nella Valle Telesina, che ha pianto questa triste dipartita. Ancora increduli persino i suoi ragazzi, quegli studenti che lo vedevano come un amico e che ora quell’amico lo hanno perso, così, all’improvviso, senza avere il tempo di rendersene conto. La studentessa Nikla ha voluto dedicargli una poesia, come possiamo leggere su Casertanews:

La pioggia di domenica
si è mescolata alle nostre lacrime.
La sentiamo costantemente,
Seppur silente,
Il suo ricordo è fisso nella mente.
La sua immagine resterà sempre così,
Sereno e felice dal lunedì.
Quanti sorrisi portati via,
resta solo una profonda agonia.
Vorremmo poter dire ancora una volta
“Professo’ dove ci porta in gita questa volta?”
Ma la distanza purtroppo è molta.
“Se non la smettete di far chiasso chiamo i carabinieri”
Quel solito messaggio della gita,
Sembrava ieri…
Pagheremmo per tornare indietro,
per vedervi fare ancora un metro,
in quell’albergo,
per reclamare silenzio.
Al Giordani un grande uomo è andato,
ma sicuramente un fiore è nato.
Il nostro girasole sarà
che ad ogni stagione ci accompagnerà.





Print Friendly, PDF & Email