Reggia di Carditello, restaurate le fontane monumentali con obelischi

postato in: Notizie dalla Campania | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Antonello De Nicola

Inaugurato l’importante restauro delle fontane monumentali con obelischi del Real Sito di Carditello a San Tammaro (CE), realizzato grazie al contributo di FAI e Intesa Sanpaolo nell’ambito del censimento “I Luoghi del Cuore” e al sostegno di Ferrarelle Società Benefit

Considerato per decenni il simbolo del degrado e dell’abbandono nella Terra dei Fuochi e ora modello di rinascita e riscatto per l’intero territorio, il Real Sito di Carditello torna oggi a splendere, grazie al progetto “I Luoghi del Cuore”, censimento dei luoghi italiani da non dimenticare promosso dal FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano ETS in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Stamattina è stato infatti inaugurato – alla presenza del Sindaco di San Tammaro Vincenzo D’Angelo, del Presidente della Fondazione Real Sito di Carditello Luigi Nicolais, del Presidente del FAI Marco Magnifico, del Presidente Regionale FAI Campania e Vice Presidente Ferrarelle Società Benefit Michele Pontecorvo Ricciardi, del Capo Delegazione FAI Caserta Dante Specchia, del Direttore Area Retail Caserta-Alto Casertano – Direzione Regionale CCS Intesa Sanpaolo Margherita Uccella, del Direttore dei lavori Marina Manzo e di numerosi cittadini entusiasti – il restauro da poco concluso delle due fontane monumentali con obelischi, reso possibile grazie all’importante contributo messo a disposizione da FAI e Intesa Sanpaolo e al sostegno di Ferrarelle Società Benefit.

Nel 2012 il Real Sito di Carditello, gioiello dell’architettura settecentesca progettato dall’architetto Francesco Collecini nonché una delle 22 dimore volute dalla dinastia reale dei Borbone di Napoli e che per questo poteva fregiarsi del titolo di “Reale Delizia”, si classificò al 5° posto nazionale della sesta edizione del censimento “I Luoghi del Cuore” del FAI grazie ai voti di ben 32.438 persone. All’epoca, le immagini erano quelle di un luogo in desolante stato di abbandono, con la cancellata arrugginita e cumuli di immondizia davanti all’ingresso. I voti erano stati raccolti dai cittadini proprio per denunciare questo totale degrado e il saccheggio continuo del monumento, privato di pilastri di marmo, caminetti, lastre delle scalinate e pezzi di pavimento. Fondamentale nel raggiungimento di questo importante risultato, l’azione concreta di Agenda 21 per Carditello e i Regi Lagni,nata nel 2010 e composta da 150 portatori di interesse tra enti e associazioni del territorio, che aveva promosso la  raccolta voti al censimento, oltre a una serie di attività – da aperture straordinarie del bene a un’azione di coinvolgimento delle scuole, al contatto costante con i media locali e nazionali – riuscendo in tal modo ad attirare l’attenzione pubblica sulla delicata vicenda del Real Sito e contribuendo così a condurre le sorti di questo luogo verso un intervento risolutivo delle istituzioni pubbliche.

Il 9 gennaio 2014, in seguito alla tanto auspicata acquisizione del Real Sito da parte dello Stato, FAI e Intesa Sanpaolo decisero di celebrare questo fondamentale momento di riscatto per quella che era stata una delle più importanti aziende agricole illuministe europee, stanziando un fondo straordinario “Luoghi del Cuore” di 50.000 euro per un progetto da concordare, successivamente definito nel restauro, consolidamento e rimessa in funzione delle fontane con obelischi ubicate nel galoppatoio antistante la facciata e realizzate dagli scultori campani Paolo Persico e Gaetano Salomone.

A questo rilevante contributo, nel 2020 si è aggiunto anche il cofinanziamento di 35.000 euro da parte di Ferrarelle Società Benefit, che ha permesso di coprire per intero il costo dell’intervento che ha interessato questi due elementi iconici.

La Reggia di Carditello, grazie all’intervento dello Stato, all’azione di valorizzazione della Fondazione Real Sito di Carditello e alla vicinanza del Fondo per l’Ambiente Italiano, rappresenta oggi un esempio di valorizzazione culturale e inclusione sociale. Un vero e proprio Luogo del Cuore, aperto a tutti, da scoprire e riscoprire per il suo eccezionale valore.

Questa inaugurazione è un altro concreto passo avanti – spiega Luigi Nicolais, Presidente Fondazione Real Sito di Carditelloverso il pieno riscatto di un sito di notevole importanza storica, architettonica, sociale e ambientale. Abbiamo finalmente restituito gli obelischi alla comunità di appartenenza e a tutti gli italiani. Un successo particolarmente significativo che ci riempie di orgoglio, non solo perché rappresenta un forte segnale, affinché la Reggia di Carditello sia definitivamente recuperata e riqualificata, ma anche perché il progetto è frutto delle numerose segnalazioni raccolte dai cittadini, che hanno permesso prima di accendere i riflettori su Carditello e poi di meritarci l’attenzione del FAI”.

“Il FAI è stato il primo ente in assoluto a offrire un contributo economico per avviare il recupero di Carditello, attraverso la campagna ‘I Luoghi del Cuore’, dando un seguito concreto ai 32.438 voti raccolti dai cittadini all’edizione 2012 – afferma Marco Magnifico, Presidente FAI – Lo scrivemmo all’allora Ministro dei Beni Culturali Bray, il giorno stesso in cui uscì la notizia dell’acquisizione del Real Sito da parte dello Stato, nel gennaio 2014. Dopo decenni di oblio e furti, lo Stato segnava finalmente un colpo, decisivo e fondamentale, per mettere fine alla depredazione di un Bene nato nel segno del buongoverno del territorio e di straordinaria importanza per la storia: dell’arte, dell’agricoltura, dell’economia, della società. Sono felice di poter finalmente festeggiare oggi l’impiego virtuoso del contributo del FAI e di una storia di riscatto per questo territorio a lungo martoriato”.

Soddisfazione anche nelle parole di Michele Pontecorvo Ricciardi, Presidente Regionale FAI Campania e Vice Presidente Ferrarelle Società Benefit: “Sono molto felice di vedere la Reggia di Carditello tornare a splendere grazie al progetto ‘I Luoghi del Cuore’, un’iniziativa FAI che porta nuova vita a veri e propri gioielli di storia, arte e cultura del nostro territorio. La proficua collaborazione tra pubblico e privato si dimostra nuovamente una sinergia vincente e una risposta concreta alla necessità di valorizzare il nostro patrimonio per poter proteggere e rilanciare luoghi di incredibile bellezza e significato come, ad esempio, la Reggia di Carditello”.

“Il nostro Gruppo crede fortemente nel contributo che la cultura è in grado di garantire alla crescita del Paese, soprattutto in un momento di ripartenza come quello attuale – spiega Giuseppe Nargi, Direttore Regionale Campania, Calabria e Sicilia di Intesa SanpaoloPer questo sosteniamo con grande piacere il progetto ‘I Luoghi del Cuore’, che ha l’obiettivo di promuovere siti culturali e destinazioni turistiche favorendo anche le relative ricadute economiche. Il nostro Gruppo è da tempo impegnato nella valorizzazione del patrimonio artistico nazionale e della sua fruizione pubblica, basti pensare alle esposizioni nelle ‘Galleria d’Italia’, i nostri poli museali di Napoli, Milano, Vicenza e Torino”.

Le fontane con obelischi di Carditello suggeriscono una chiara ispirazione all’arte egizia. Sono costituite da una vasca ellittica, al centro della quale si eleva l’obelisco composto da grandi blocchi di marmo. La base degli obelischi è decorata con due grandi aquile che poggiano su una valva di conchiglia. Sul piano iconografico, l’obelisco è il simbolo della fermezza del re e della saldezza del suo regno, mentre l’aquila rappresenta il sovrano. I lavori di recupero di questi due preziosi monumenti hanno preso avvio nel 2021, a seguito dell’autorizzazione della Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento. Si è proceduto inizialmente con la pulitura e il consolidamento delle fessurazioni, seguiti dalle operazioni di stuccatura e impermeabilizzazione delle vasche. La realizzazione di un nuovo e moderno impianto idrico ha infine permesso un’efficace rifunzionalizzazione delle fontane, secondo un criterio di risparmio idrico ed energetico.

Il censimento “I Luoghi del Cuore”

Dar voce alle segnalazioni dei beni più amati in Italia per assicurarne il futuro è lo scopo de I Luoghi del Cuore, progetto lanciato dal FAI nel 2003 e promosso in collaborazione con Intesa Sanpaolo che si propone di coinvolgere concretamente tutta la popolazione e di contribuire alla sensibilizzazione sul valore del patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese. Attraverso il censimento – che si tiene negli anni pari – il FAI sollecita le istituzioni locali e nazionali competenti affinché mettano a disposizione le forze per salvaguardare i luoghi cari ai cittadini; ma il censimento è anche il mezzo per intervenire direttamente, laddove possibile, nel recupero di alcuni beni votati. Dopo il censimento, infatti, FAI e Intesa Sanpaolo finanziano direttamente una selezione di progetti promossi dai territori a favore dei luoghi che hanno raggiunto una soglia minima di voti. I Luoghi del Cuore, dalla prima edizione a oggi, ha permesso di varare 139 interventi a favore di luoghi grazie alla fattiva collaborazione con le istituzioni. Ancora più numerosi sono gli effetti virtuosi innescati dell’iniziativa, che hanno portato al recupero di beni grazie alla mobilitazione di pubbliche amministrazioni e privati cittadini. L’undicesima edizione del censimento è ora in corso. Fino al 15 dicembre 2022 sarà possibile votare e far votare i propri Luoghi del Cuore su www.iluoghidelcuore.it oppure utilizzando i moduli cartacei di raccolta firme, scaricabili dal sito.

Print Friendly, PDF & Email