Weekend a Città della Scienza: “Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei”

postato in: Notizie dalla Campania | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Valeria Grasso, Ufficio stampa Città della Scienza

Weekend a Città della Scienza alla scoperta del cibo e dell’alimentazione delle specie animali: ‘Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei’.

Sabato 26 e domenica 27 giugno il weekend a Città della Scienza è dedicato al cibo e all’alimentazione di tutte le specie animali: “dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei” come da citazione del famoso gastronomo francese Jean Anthelme Savarin che scrisse nel 1825 il trattato “fisiologia del gusto”. Attraverso un divertente gioco interattivo si potrà conoscere l’anatomia degli animali e gli adattamenti delle loro dentature alle rispettive tipologie di alimenti. Affiancati da un naturalista i piccoli visitatori potranno osservare le differenze tra animali carnivori, onnivori ed erbivori e scoprire quali forme di denti si adattano meglio a un determinato tipo di cibo, facendo anche un confronto con la specie umana. Grazie ai reperti della collezione Bologna sarà possibile osservare crani di animali mai visti dal vivo, dal leone alla tartaruga, dal cinghiale alla balena e notare le strabilianti proprietà di adattamento di mammiferi e rettili.

Un gioco a quiz finale metterà alla prova la capacità di osservazione dei giovani naturalisti. Contemporaneamente i più piccoli potranno partecipare ad un laboratorio di manualità attraverso cui costruire un taumatropio sull’origine di diversi animali. Il biglietto unico di 5€ include anche la visita al Museo Interattivo del Corpo Umano CORPOREA, alla mostra Missione Antartide. 35 anni di missione italiana nel continente estremo, ed un’attività di laboratorio/dimostrazione scientifica. L’ingresso, dalle 9.30 alle 16.30, è su prenotazione obbligatoria tramite acquisto del biglietto on line o inviando una mail a contact@cittadellascienza.it. Nel rispetto delle norme anti Covid, tutti i visitatori, anche i bambini dai 6 anni, hanno l’obbligo di indossare la mascherina, all’ingresso del museo e lungo il percorso di visita sono disponibili dispenser di gel disinfettante.





Print Friendly, PDF & Email