Amorosi: museo sotterraneo e percorsi turistici innovativi

Condividi articolo

Amorosi Sotterranea – dal sottosuolo alla superficie è la proposta deliberata nei giorni scorsi dalla giunta comunale per intercettare finanziamenti nell’ambito del Programma di azione e coesione complementare al PON Cultura e Sviluppo (FESR) 2014-2020 Piano Operativo Cultura e Turismo (FSC) 2014-2020. L’importo complessivo previsto dal progetto che intende promuovere la valorizzazione del borgo della Valle Telesina e le sue risorse storico-culturali e paesaggistiche al fine di incentivare turismo e sviluppo economico, ammonta a 653.788,00 euro, per poter creare “un’esperienza unica nel Sud-Italia che renderà visibile, conosciuta e consultabile la memoria storica alle attuali e future generazioni”. La proposta progettuale Amorosi sotterranea prevede percorsi che partono dalla sede del Comune, Palazzo Maturi, nei pressi del quale vi è un varco verso una realtà architettonico-culturale che fa incontrare storia e leggenda. Amorosi, infatti, sarebbe collegata da cunicoli sotterranei, ai quali si accederebbe da diversi ingressi dislocati sul territorio. L’idea è quella di far rinascere un nuovo polo turistico permanente e la creazione di un nuovo museo storico e polifunzionale fatto di realtà virtuale e tecnologia all’avanguardia per consentire al turista la fruizione del patrimonio culturale del borgo.

Il turista, inoltre, potrà proseguire con uno dei tre tour tematici ideati:

  • “Up”: percorso cicloturistico con accompagnatore, attraverso itinerari culturali che coinvolgano aree naturali, aree archeologiche e monumenti.
  • Down”: percorso eno-gastronamico con l’apertura al pubblico degli ulteriori siti sotterranei rinvenuti e grazie all’organizzazione di degustazioni riguardanti luva di Amorosi, Lengua ‘e Femmena, riconosciuta ufficialmente dallo Stato nella Gazzetta Ufficiale del 20/02/2020 – presso cantine e produttori.
  • Inside per immergere i visitatori nell’anima del borgo, facendogli trascorrere del tempo con i lavoratori e gli artigiani locali, nonché con i giovani imprenditori e le realtà d’eccellenza e vivere il borgo sotto tutti i punti di vista.
Print Friendly, PDF & Email