Castelvenere, Mario Moccia: “Scarpella e acqua sulfurea, il miracolo di Carnevale”

Condividi articolo
Comunicato Stampa – Mario Moccia capogruppo di opposizione al comune di Castelvenere

Così Mario Moccia, capogruppo di opposizione al comune di Castelvenere sulla manifestazione dedicata alla scarpella che si è tenuta in un locale del suo comune: “La sera di Carnevale è stato celebrato il matrimonio tra la SCARPELLA di Castelvenere e l’acqua SULFUREA di Telese Terme. Il sindaco di Telese Terme ha officiato la cerimonia e si prepara a ripetere il miracolo di Gana, trasformare Telese da città dell’acqua a città del vino. I grandi della ‘terra’, convocati dall’opposizione ‘enogastronomia’ hanno partecipato commossi. Il gusto della scarpella e il retrogusto dell’acqua sulfurea (certificato dagli esperti in sala), hanno scatenato le papille gustative dei presenti. Lo ‘zolfo’ faceva sognare scenari meravigliosi e progetti di valorizzazione. Si dice che a Carnevale ogni scherzo vale. L’opposizione ‘ENOGASTRONOMICA’, presente al gran completo, non scherza. Ha cambiato opinione su tutto: ‘lavora’ per ‘mortificare’ Castelvenere, ‘sradicare’ i suoi simboli identitari. Dopo la Barbera e la Scarpella, toccherà a San Barbato?”.

Print Friendly, PDF & Email