Cerreto Sannita, riapertura scuola: Ciaburri attacca l’amministrazione

Condividi articolo
Comunicato Stampa – Gianmariamichele Ciaburri Impegno x Cerreto Sannita 

“È stato deciso che le  scuole di ogni ordine e grado in  Campania apriranno   il 24 settembre dopo l’elezioni. Purtroppo come avevo  preannunciato solo qualche giorno  fa, le classi primarie e secondarie dell’istituto  A.Mazzarella di Cerreto Sannita, saranno costrette ad adottare i turni (mattina e pomeriggio) per espletare l’attività didattica presso la struttura  N. Ciarleglio. 

Avevo sperato fino all’ultimo che questo disagio agli alunni, dopo il blocco dovuto all’emergenza covid fosse evitato. Non sono bastati quattordici mesi all’amministrazione Comunale di Cerreto Sannita per portare a termine la gara d’appalto per i lavori di ristrutturazione del plesso scolastico di Via Mazzarelli (già oggetto di numerose ristrutturazioni) sede delle classi secondarie. Ancora una volta pongo l’accento sulla inadeguata gestione del sindaco di Cerreto Sannita e dell’assessore all’istruzione anche nella gestione dei pasti della mensa scolastica.

Insomma, ancora una volta devo sottolineare l’inadempienza degli organi preposti su questa vicenda  nell’interesse dei nostri ragazzi. Sono  costretto ad alzare la voce in una comunità sempre più silente e prona al “potere” tutto discutibile  di chi ha responsabilità amministrative. Eppure sono i vostri figli, cosa deve ancora accadere per vedervi arrabbiati? Non sento un genitore indignarsi rispetto ad una questione che ha avuto tutto il tempo per essere risolta.

Intanto stanno arrivando i primi banchi per gli alunni italiani tanto osannati dal Ministro Azzolina. L’assessore all’istruzione sempre  più preoccupato  alla scalata dello scranno più alto di Palazzo San Antonio, no a tutelare gli interessi degli alunni. Non mi meraviglierei  se   durante questi nove mesi che ci dividono dal rinnovo del consiglio comunale, qualcuno o qualcosa impedisca  all’assessore all’istruzione che anche Vice Sindaco,  di  arrivare  a sedere sulla  poltrona di Primo Cittadino”.

Print Friendly, PDF & Email