Fiorenza Ceniccola: lettera aperta all’assessore regionale Prof. Felice Casucci

Condividi articolo
Riceviamo e pubblichiamo – Fiorenza  Ceniccola, Amministratrice  “La Casa di Bacco” e Consigliere Comunale
Lettera aperta all’Assessore al Turismo Regione Campania Prof. Felice Casucci

Un’idea per la ripartenza del Sannio

Egregio Assessore Prof. Casucci, scrivo a caldo dopo aver letto la Sua intervista pubblicata sulla stampa locale e, in particolare, l’invito  per le cosiddette aree interne a “…puntare su identità e modelli unici basati sull’identità del territorio”. A tal proposito, mi consenta di sottoporre alla Sua attenzione un’idea-progettuale che da circa 8 anni stiamo cercando di realizzare (assieme ai miei due fratelli) a Guardia Sanframondi in un palazzo padronale incastonato nella splendida cornice della piazza antistante il castello dei Sanframondo  e che abbiamo denominato “La Casa di Bacco”. Che cos’è  la Casa di Bacco?

Tecnicamente, vuol essere una “Casa-Museo dedicata a Bacco” e si prevede la creazione di una esposizione museale dedicata alla Cultura del Vino (MuBac) e una Rassegna d’Arte Contemporanea Permanente dedicata a Bacco (BacArt) per far diventare Guardia Sanframondi il crocevia di tutti gli artisti amanti del cosiddetto nettare degli dei (strutture già realizzate ed inaugurate circa otto anni orsono). Inoltre, il progetto prevede la realizzazione di una enoteca monomarca “Sannio” con angolo di degustazione, una sala-cucina dove poter far “gustare” il vino nel piatto, un centro benessere per far “apprezzare” il vino sul corpo e infine, ambienti di soggiorno caratterizzati da interventi artistici monotematici su Bacco capaci di dare al visitatore l’impressione di vivere dentro un’opera d’arte. Cosa che, sicuramente, non capita  tutti i giorni. Si tratta di un progetto unico nel suo genere e per quanto ne so, non esiste niente di simile in Campania e in Italia!

In poche parole, abbiamo pensato che Guardia Sanframondi (già conosciuta come: la capitale del vino della regione Campania) richiedesse un luogo di attrazione, un hub per i visitatori del vino. Un luogo vivo, che tra sale degustazioni e percorsi multimediali possa essere visitato dai cosiddetti “wine-lovers”. Per farla breve vogliamo realizzare una vera e propria “wine town” che deve regalare al visitatore un’esperienza plurisensoriale tra cultura, arte e ospitalità, nel nome di Bacco. In attesa di un cortese riscontro e con la speranza di poterLa incontrare presto in questo nostro “piccolo” luogo dove la cultura del vino viene diffusa attraverso il linguaggio dell’Arte, si porgono i più cordiali saluti.

Print Friendly, PDF & Email