Giro d’Italia: ali su Guardia Sanframondi, la città che si tinge di rosa. VIDEO

Condividi articolo

Immagina di guardare il tuo territorio da un altro punto di vista, quello del cielo. Guardia Sanframondi si tinge di rosa e tutto il mondo la vedrà coi propri occhi, in panoramiche mozzafiato che ne sottolineano bellezza, fascino e cultura. Ecco, allora, la grande distesa verde che la abbraccia, quella di filari, viti tutto intorno, ulivi secolari, col profumo genuino e cantine pronte a ospitare visitatori e degustatori. E le bottaie che fremono di sapore e di vita, e di gusto e di emozioni. Odori, poesia. È Guardia, la Regina dell’enoturismo del Sannio beneventano, è lei che ci chiama e si fa ammirare da questo straordinario punto di vista, dall’alto, da uno sguardo che la acclama a dea rosa per un giorno avanti agli occhi del mondo intero. Lei, abbracciata nell’insieme della Valle che brulica di gente, di ruralità, di tradizioni, tra il Taburno e il Matese, col suo Castello, palatium, che domina inontrastato la Valle ai suoi piedi, figura simbolo a guardia del territorio circostante. Eccolo, laggiù, il suo centro storico arroccato in collina, tra stradine di pietra e vicoli che si inseguono e si abbracciano, e un affaccio su Palazzi storici ristrutturati e restituiti a una comunità grata. Ecco lì, i campanili, quel San Sebastiano da cui un grande orologio segna il tichettìo di emozioni che scorrono, e corrono in volata come la volata di corridori tanto attesa a pochi passi da lì. E fontane e antichi lavatoi, e la salita che porta al Santuario e alla Bella Vergine, Madre dei guardiesi. E vicoli fioriti, e l’Ave Gratia Plena, che riluccica e risplende di cori, canti, e arte, e il ponte Ratello che affaccia su un mare di incanti paesaggistici. E ancora tetti che variano dall’arancio al colore della terra, tra cupole maiolicate e mura senza tempo, e canti e nenie e ricordi, e Riti e passioni. E il colore rosa che abbraccia ogni pietra, ogni angolo di vita, ogni battito, ogni respiro. Guardia Sanframondi è pronta e attende il Giro, ed è Bella, sempre!

Print Friendly