Guardia Sanframondi, visita turistica sulle orme di Paolo De Matteis

Condividi articolo
Riceviamo e pubblichiamo – Proloco di Guardia Sanframondi

Una domenica di scambio culturale quella che si è svolta il 15.05.2022 a Guardia Sanframondi dove nella mattinata il sindaco, dr. Raffaele Di Lonardo, il presidente della locale Pro Loco, Antonio Iuliani, e alcuni componenti del Direttivo, hanno accolto l’Associazione “Fiaba in Borgo” rappresentata dal presidente Maria Luisa Di Matteo ed un gruppo di cittadini di Piano Vetrale d’Orria, paese natale dell’artista Paolo De Matteis.

Seguito del patto d’amicizia siglato il 15 dicembre del 2017 tra le due comunità, la giornata è stata caratterizzata da un primo momento di saluti istituzionali , scambi di doni e la elargizione di una poesia inedita scritta dal Prof. Silvio Falato – cultore di lingua ed autore di diversi scritti sul dialetto guardiese –  “Ode a Don Paolo De Matteis (Ricordiamolo con una strada o una piazza)” – un testo che ripercorre la storia dell’artista Cilentano con un messaggio finale quello di dedicare ad egli una strada o un piazza e da un secondo momento di visita del borgo antico la cui storia e le cui bellezze sono state ben descritte da una guida locale appartenente al “Sannio Guides”, un gruppo ideato da guide e accompagnatori sanniti professionisti che operano in tutta Europa e che dal 2015 si occupano della promozione del Sannio nel mercato turistico Nord Americano.

Una bellissima esperienza – ha spiegato il Sindaco in accordo con il Presidente Iuliani – che ha rafforzato la vicinanza tra le due comunità con la possibilità di creare percorsi turistico – culturali che diano ulteriore impulso alla conoscenza e alla divulgazione dell’operato e della figura dell’illustre maestro.

Un ringraziamento –  continua il Sindaco sempre in accordo con il Presidente Iuliani – a tutti coloro che hanno permesso la buona riuscita dell’iniziativa ed in particolar modo il Parroco Don Giustino Di Santo, che ha consentito la visita presso la Chiesa di San Sebastiano e la Basilica dell’Assunta e di San Filippo Neri, la volontaria del Servizio Civile Alessia Benevento che ha provveduto all’apertura delle strutture comunali – Museo Comunale, Castello Medievale, Museo entomologico e Ave Gratia Plena – ed infine, ma non meno importante al tour operator locale per l’alta professionalità dimostrata.

Alla prossima iniziativa.

Il Presidente della Proloco Guardia Sanframondi

Antonio Iuliani

“Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese” (J.F.Kennedy)

POESIA

Ode a Don Paolo De Matteis

(Ricordiamolo con una Strada o una Piazza)

Tra rǝ Millesseicjéntǝ e Settǝcjéntǝ

Tra il Milleseicento e Settecento,

a Orrèjǝ, paèsǝ cirentanǝ,

a Orrei, paese del Cilento,

nascìvǝ, ‘na matìna sénza vjéntǝ,

nascevi, una mattina senza vento,

ma èva frìddǝ, rǝ nòvǝ dǝ Fǝrbàrǝ.

Ma era freddo, il 9 di Febbraio.

Ggǝvǝnjéllǝ, sìvǝ ggjà nabbǝlǝtànǝ:

Ggiovinetto, eri già a Napoli:

Tǝ mannjérnǝ a ‘na Škòla dǝ Pittùra,

ti mandarono a una Scuola di Pittura,

alljévǝ mǝléttǝ dǝ Ggjordànǝ,

allievo prediletto di Giordano,

la Béll’Artǝ tǝ pjacèva da crjatùra.

le Belle Arti ti piacevano da bambino.

A vìnt’ànnǝ a Ròma tǝ nǝ jéštǝ;

a Vent’anni a Roma te ne andasti;

ékku arrìva ‘nǝ kòlpǝ dǝ fǝrtùra:

ecco arriva un colpo di fortuna:

‘Nǝ Markèsǝ pǝ’ kkàsǝ kanǝscéštǝ,

Un Marchese per caso conoscesti,

dǝštǝnàtǝ a la chjù àuta sǝrjǝtùra.

destinato alla più alta carica.

Eva Ghàšparǝ Mendéz, rǝ Špagnwòlǝ,

Era Gaspare Mendez, lo Spagnolo,

kǝ dǝ Nàpǝrǝ dǝvǝntàwǝ Vicerrè;

che di Napoli diventò Vicerè;

ghrazzj’a kìllǝ, Paulu’, ént’a ‘nǝ vwòlǝ,

grazie a quello, Paolino, in un volo,

dǝ Pǝnnjéllǝ sivǝ vìštǝ kòm’a Rre.

del Pennello eri visto come Re.

A rǝ Millessettǝcjéntǝvintidùjǝ

Il Millesettecentoventidue

a la Wàrdja, a Sànt’Auštjànǝ,

a Guardia, a San Sebastiano,

 la vòlta tu pittave, fùjǝ fùjǝ,

 la volta dipingevi, molto velocemente,

Maštrolèwǝ èva prònt’a t’ajǝtànǝ.

Mastroleo era pronto ad aiutarti.

Rǝ cìnqw’e Lùgljǝ dǝ rǝ štèssǝ ànnǝ

Il cinque Luglio dello stesso anno

l’Opǝra d’Artǝ òrmàj’èva fǝnùta.

l’Opera d’Arte ormai era terminata.

Vèškuv’e parrǝcchjànǝ tùttǝ štànnǝ

Vescovo e parrocchiani tutti stanno

a kunzakràrla ku ‘n’àrja rǝsǝlùta.

a consacrarla con spirito risoluto.

Dòppǝ kèšt’òpra mika cǝ sǝ rǝpòsa!

Dopo quest’opera mica ci si riposa!

Mo’ a Bbàrǝ, mo’ a Bbarlétta, mo’ a Biscègljǝ,

Ora a Bari ora a Barletta ora a Bisceglie

pìttǝ e pjénzǝ, pittòrǝ senza pòsa.

dipingi e pensi, pittore senza riposo.

Addò rǝ Pàpa sìvǝ ùnǝ dǝ rǝ mégljǝ.

Dal Papa eri uno dei migliori.

Passàva la vìta e ‘nkòpp’e ssòtta ìvǝ

La vita scorreva e su e giù andavi

pǝ’ la Francja, la Špagna e l’Inglittérra;

per la Francia, la Spagna e l’Inghilterra;

pittàvǝ, ma ‘nnànz’a r’wòcchjǝ tu tǝnìvǝ

dipingevi, ma davanti agli occhi tu tenevi

dǝ Saljérnǝ la spjàggj’e ògnǝ térra.

di Salerno la spiaggia e ogni terra.

‘Ncǝ škurdàmǝ dǝ kìštǝ ghrwòss’artìšta,

Non ci dimentichiamo di questo grande artista,

qwandǝ ‘na chjàzza o ‘na vìja àmm’a chjama’:

quando una piazza o una via dobbiamo intestare:

Rǝ sùlǝ kumplǝmént’a pprìma vìšta,

Il solo regalo a prima vista,

k’a Paulùccǝ De Mattèis sǝ po’ ffa’!

che a Paolino De Matteis si può fare!

                       Silvio Falato





Print Friendly, PDF & Email