Il saluto del militare guardiese, Paziente 1 sannita, alla sua Guardia

Condividi articolo

Il giovane militare guardiese, primo caso Covid sannita, è tornato alla normalità, alla vita di tutti i giorni. Pochi giorni fa il suo Sindaco, Floriano Panza, aveva dato la bella notizia della sua guarigione e tutta Guardia (e non solo Guardia) ne ha esultato. Un giovane coraggioso, umile e tenace, che ha saputo affrontare il clamore mediatico con grande dignità. Il giovane che, inizialmente, ha visto puntati i riflettori su di dé: non solo per essere stato il Paziente 1 nel Sannio, non solo perché, purtroppo e per grande saccenza e a volte ignoranza, è stato additato come sconsiderato untore, ma anche per aver sopportato il grande caos mediatico che lo ha coinvolto, che tutti conoscono e che ora che finalmente si può tirare un sospiro di sollievo, è inutile rivangare.

Il Sindaco Panza pochi giorni fa lo ha invitato a prendere un caffè con lui al Municipio cittadino, per dargli il suo grande augurio di buona guarigione e per infondergli coraggio. E così è stato. Il giovane è tornato alla sua vita di tutti i giorni, ha salutato i suoi concittadini, tramite il sindaco guardiese, ed è andato via, di ritorno a Brescia, a riprendere in mano la sua vita, pieno di coraggio e di speranza, sicuramente più grande e più forte dopo la sua esperienza, con un bagaglio carico di emozioni e voglia di ricominciare alla grande. Come ha raccontato Floriano Panza, il ragazzo ha ringraziato la comunità guardiese per il grande sostegno che ha manifestato per lui e per la sua famiglia. Ma io sono certa che siano stesso i guardiesi e tutti i cittadini dei paesi circostanti che ringraziano lui per la grande lezione di dignità e serietà e per il coraggio con cui ha affrontato tutto e con cui ha saputo insegnarci più che qualcosa. Buona vita a questo giovane: noi di Fremondoweb avevamo già ringraziato lui e tutta la sua comunità, tempo fa, in questo omaggio che dedicammo alla straordinaria coesione di Guardia Sanframondi e che potete leggere cliccando qui.

Print Friendly, PDF & Email