Ordinazione Episcopale e inizio del ministero pastorale di S.E.R. Mons. Mazzafaro

Condividi articolo

Comunicato Stampa – Ufficio Stampa Diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti

Sabato 12 giugno 2021, ore 17.30 – Piazza San Martino – Cerreto Sannita (BN)

Nella vigilia della Festa di Sant’Antonio di Padova, Patrono della città di Cerreto Sannita e della nostra Diocesi, accogliamo il nuovo Pastore che la Provvidenza e la benevolenza di Papa Francesco hanno donato alla nostra Chiesa. Al termine della Celebrazione, alle ore 20.00, S.E.R. Mons. Giuseppe Mazzafaro, nel fare ritorno nella sala della Caritas Diocesana, al BOX STAMPA, incontrerà brevemente gli Operatori dell’informazione accreditati per intervista e/o foto. Gli Operatori dell’informazione accreditati possono essere presenti. Sarà possibile seguire, la Celebrazione Eucaristica grazie all’emittente MEDIATV, in diretta televisiva, e in diretta streaming sulla piattaforma web e sui canali social della Diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti:

PROSSIMI APPUNTAMENTI del nuovo Vescovo S.E.R. Mons. Giuseppe Mazzafaro

Domenica 13 giugno 2021 – Cattedrale – Cerreto Sannita (BN)

Nella Festa di Sant’Antonio di Padova, Patrono della città di Cerreto Sannita e della nostra Diocesi, S.E.R. Mons. Giuseppe Mazzafaro presiederà le Celebrazioni Eucaristiche:

  • ore 10.30;
  • ore 18.30.

A causa delle misure per il contenimento dell’emergenza sanitaria, alle celebrazioni in Cattedrale si potrà accedere con un numero limitato di fedeli.

Domenica 20 giugno 2021 – Concattedrale – Sant’Agata de’ Goti (BN)

S.E.R. Mons. Giuseppe Mazzafaro presiederà la Celebrazione Eucaristica:

  • ore 18.00.

A causa delle misure per il contenimento dell’emergenza sanitaria, alla celebrazione in Concattedrale si potrà accedere con un numero limitato di fedeli. Sarà possibile seguire la celebrazione attraverso la diretta televisiva su MEDIATV (canale 86 del digitale terrestre) e la diretta streaming sui canali social della Diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti.

Print Friendly