Puglianello: arrivano i primi aiuti acquistati con le indennità del Sindaco Rubano

Condividi articolo

Il Sindaco di Puglianello, Francesco Maria Rubano, mettendo a disposizione varie mensilità dell’indennità della sua carica, ha personalmente contribuito all’acquisto di beni alimentari ora in consegna. Tra questi beni, la sottoscrizione dell’acquisto di 20 quintali di pasta con il titolare della storica azienda beneventana Rosiello, utili a coprire il fabbisogno di circa 200 persone tra quelle che maggiormente sono in stato di necessità. Nei prossimi giorni avverrà la consegna di altre derrate alimentari, sempre acquistate personalmente dal primo cittadino: farina, passato di pomodoro, legumi, salumi e formaggi.

“Ringrazio il presidente del Consorzio Asi Luigi Barone per l’intercessione con le ditte che ci forniranno i generi alimentari, il titolare del pastificio Domenico Rosiello e l’amministratore della Idal srl, Domenico Abbatiello, per la comprensione e la disponibilità, oltre che per aver praticato uno sconto importante sui prodotti acquistati. Questo è un momento in cui occorre aiutarsi l’un l’altro e devo dire che ho trovato persone di elevato spessore umano. Tra l’altro, sono immensamente felice non solo di aver aiutato i miei concittadini, ma anche di aver collaborato con aziende Sannite che rappresentano delle vere e proprie eccellenze del nostro territorio. Si tratta di iniziative che esulano da quelle del Governo nazionale, rivolte ad una platea alquanto ridotta e che non possono soddisfare tutte le esigenze”. Queste le parole del Sindaco Rubano

L’Amministrazione comunale di Puglianello, tra le misure adottate per l’emergenza Coronavirus, aveva già previsto la voce “azioni di solidarietà riservate a cittadini disagiata, grazie alla rinuncia alla indennità di carica da parte del sindaco”. Il risulotato è evidente.

L’Amministrazione di Puglianello tiene anche a comunicare che “sono stati collocati dei raccoglitori presso tutte le attività, commerciali, di prima necessità, dove i cittadini potranno fare donazioni in denaro e che saranno oggetto di versamento di contributi anche da parte degli altri amministratori di maggioranza. Con i soldi raccolti, verranno elargiti buoni alimentari che non rientrano nei sussidi del Governo nazionale. Queste iniziative, unite ad altre che organizzeremo nei prossimi giorni, assisteranno una vasta platea di cittadini fino alla fine della emergenza”.

Print Friendly, PDF & Email