Teresa Morone: chi è la blogger sannita divisa tra moda e impegno sociale

Condividi articolo

La fashion blogger, 29anni, fondatrice del blog teresamorone.com, originaria di Guardia Sanframondi, spesso impegnata in eventi che riguardano la moda e la bellezza ha deciso di aderire  al progetto di lotta al bullismo, cyberbullismo e alla violenza di genere promosso dall’unione sportiva ACLI Benevento. Teresamorone.com è un blog nato alcuni anni fa, quasi per gioco, in cui la blogger   quotidianamente parla ai suoi followers di moda, bellezza e benessere collaborando spesso con brand, stilisti e personaggi dello spettacolo.

L’influencer, già ambasciatrice in Italia contro la depressione e i disturbi dell’umore per la fondazione americana The Fragile Club, ha intrapreso con entusiasmo un percorso comune di intenti con l’Unione Sportiva ACLI Benevento.  L’unione sportiva ACLI Benevento, grazie al Presidente Alessandro Pepe, si batte contro la piaga sociale della violenza di genere e contro ogni forma di discriminazione  attraverso progetti, spesso itineranti, che abbracciano la cultura e lo sport.

Bisogna mantenere alta la guardia. La nostra è un’epoca ricca di contraddizioni, leggiamo spesso di episodi di cyberbullismo e di violenza sulle donne, questi sono anche i pericoli dei social network. Le distanze si accorciano ed è più facile colpire qualcuno. Ringrazio il presidente USACLI Benevento per la sua lungimiranza e la delegata Immacolata Petrillo per avermi voluta in squadra.”

Per questo” – conclude la blogger campana “tramite i miei canali social cerco di denunciare gli episodi di bullismo, cyberbullismo e violenza di genere. Io stessa da piccola sono stata vittima di episodi di bullismo e so molto bene quanto ci si può sentire emarginati e inadeguati. Per molti anni mi sono sentita inadeguata, poi ho capito che il problema non ero io. Mi ricordo che quando aprii il mio blog fui sommersa da insulti anonimi sui social. Spesso blogger è sinonimo di ragazza superficiale, io faccio tante cose non sono solo questo. Spero di poter dare il mio contributo per un’Italia diversa che non ha paura. Mi documento sui casi di femminicidio e gli episodi di bullismo in Italia, conosco le statistiche e nei convegni a cui partecipo ne parlo spesso. Sogno una nazione lontana dalle discriminazioni, aperta al dialogo e al confronto.

Riceviamo e pubblichiamo | Teresa Morone

Print Friendly