Airola, tutto pronto per l’evento “… Uscimmo a riveder le stelle”

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Angelamaria Diodato

Accademia Progetto Musica AcliArteSpettacolo Sannio, tutto pronto per l’evento  “… Uscimmo a riveder le stelle” in programma il 3 e il 4 luglio prossimi

Ritorna la musica  dal vivo interpretata dai giovani allievi dell’Accademia Progetto Musica AcliArteSpettacolo Sannio con l’evento “… Uscimmo a riveder le stelle”, organizzato e promosso dall’istituzione musicale di Airola a conclusione dell’anno accademico. L’iniziativa, che rappresenta anche una nuova ripartenza dopo le restrizioni anti-Covid, si svolgerà il 3 il 4 luglio prossimi, a partire dalle ore 21, presso il Chiostro del Convento San Pasquale in corso Caudino ad Airola.

Saranno coinvolti gli allievi delle diverse classi di strumento e della classe di canto che si esibiranno reinterpretando brani del repertorio classico, moderno, contemporaneo e pop. Durante la due giorni si svolgeranno concerti da camera per solisti e per sestetto di oboe, fagotto e corno inglese. È prevista la presenza, tra gli altri, del presidente delle Acli Campania e portavoce unico del Forum del Terzo Settore della Campania, Filiberto Parente e della neo presidente delle Acli provinciali di Benevento, Maria Giovanna Pagliarulo.

 “L’iniziativa testimonia il continuo e saldo impegno ultraventennale nella promozione e nella diffusione dell’arte musicale” – ha dichiarato il presidente dell’Accademia, M°Carmine Ruggiero, da poco riconfermato referente provinciale di AcliArteSpettacolo Sannio, spiegando il ruolo della cultura e della musica, in particolare, nella  crescita del territorio e nella valorizzazione dei giovani talenti. “Un impegno – ha aggiunto – che non si è mai fermato, nemmeno negli ultimi due anni caratterizzati dalle restrizioni della pandemia quando docenti e allievi hanno continuato a portare avanti la formazione musicale a distanza, mostrando ancora di più la dedizione che da sempre profondono in questa arte e nel suo valore pedagogico e sociale.”





Print Friendly, PDF & Email