Coronavirus: le “presunte” profezie di Padre Pio

Condividi articolo

“In questo periodo di ansia e di preoccupazione dilaganti, sono state diffuse nuovamente alcune profezie apocalittiche attribuite a san Pio da Pietrelcina, che sarebbero state rivelate ad alcuni sedicenti figli spirituali quando il Santo era in vita o, successivamente, durante presunte visioni. Per rispetto alla verità, i frati minori cappuccini della provincia religiosa di Sant’Angelo e Padre Pio dichiarano di non poter garantire che tali messaggi siano autentici né l’asserita figliolanza spirituale delle due persone che se la sono attribuita”: questa la nota dei frati cappuccini che smentiscono la circolazione, durante questo periodo di emergenza coronavirus, di presunte profezie catastrofiche del Santo di Pietrelcina di cui mai è stata confermata la veridicità. “Certamente tali profezie non sono contenute in nessuno degli scritti del Santo (tutti già pubblicati), inoltre le affermazioni dei due presunti figli spirituali non trovano riscontro in nessun documento o prova testimoniale contenuti nella pur poderosa documentazione (104 volumi) della causa di beatificazione e canonizzazione di Padre Pio da Pietrelcina”.

I frati cappuccini si riferiscono a una serie di messaggi circolati su molti siti web, per la maggior parte cattolici, in cui si citano dodici messaggi profetici di Padre Pio e in particolare del settimo, che si riferirebbe proprio al Coronavirus. Tutte le profezie sono generiche descrizioni attribuibili a vari fenomeni naturali, come terremoti, alluvioni e così via, ma per fortuna è arrivata la smentita dei frati cappuccini e dobbiamo anche ricordare che, purtroppo, oggi come oggi, specie con il dilagare dell’uso dei social, è facile incorrere in fake news e in chi, purtroppo, pur di far notizia, mette in circolo voci fasulle.

  • 1°: il mondo sta andando verso la rovina. Gli uomini hanno abbandonato la giusta strada, per avventurarsi in viottoli che finiscono nel deserto della violenza… Se non ritorneranno subito ad abbeverarsi alla fonte dell’umiltà, della carità e dell’amore, sarà la catastrofe.
  • 2°: verranno cose tremende. Io non riesco più a intercedere per gli uomini. La pietà divina sta per finire. L’uomo era stato creato per amare la vita, ed è finito per distruggere la vita…
  • 3°: quando il mondo è stato affidato all’uomo era un giardino. L’uomo lo ha trasformato in un rovaio pieno di veleni. Nulla serve ormai per purificare la casa dell’uomo. È necessaria un’opera profonda, che può venire solo dal cielo.
  • 4°: preparatevi a vivere tre giorni al buio totale. Questi tre giorni sono molto vicini… E in questi giorni rimarrete come morti, senza mangiare e senza bere. Poi tornerà la luce. Ma molti saranno gli uomini che non la vedranno più.
  • 5°: molta gente scapperà sconvolta. Ma correrà senza avere una meta. Diranno che a Oriente c’è la salvezza e la gente correrà verso Oriente, ma cadrà in un dirupo. Diranno che a Occidente c’è la salvezza e la gente correrà verso Occidente, ma cadrà in una fornace.
  • 6°: la terra tremerà e il panico sarà grande… La terra è malata. Il terremoto sarà come un serpente: lo sentirete strisciare da tutte le parti. E molte pietre cadranno. E molti uomini periranno.
  • 7°: siete come formiche, perché verrà il tempo in cui gli uomini si toglieranno gli occhi per una briciola di pane. I negozi saranno saccheggiati, i magazzini saranno presi d’assalto e distrutti. Povero sarà colui che in quei giorni tenebrosi si troverà senza una candela, senza una brocca d’acqua e senza il necessario per tre mesi.
  • 8°: scomparirà una terra… una grande terra. Un paese sarà cancellato per sempre dalle carte geografiche… E con lui verrà trascinata nel fango la storia, la ricchezza e gli uomini.
  • 9°: l’amore dell’uomo per l’uomo è diventato una vuota parola. Come potete pretendere che Gesù vi ami, se voi non sapete amare nemmeno quelli che mangiano alla stessa vostra tavola?… Dall’ira di Dio non saranno risparmiati gli uomini di scienza, ma gli uomini di cuore.
  • 10°: sono disperato… non so più che cosa fare perché l’umanità si ravveda. Se continuerà su questa strada, l’ira tremenda di Dio si scatenerà come un fulmine tremendo.
  • 11°: una meteora cadrà sulla terra e tutto sussulterà. Sarà un disastro, molto peggiore di una guerra. Molte cose saranno cancellate. E questo sarà uno dei segni…
  • 12°: gli uomini vivranno una tragica esperienza. Molti verranno travolti del fiume, molti verranno inceneriti dal fuoco, molti verranno sepolti dai veleni… Ma io rimarrò vicino ai puri di cuore.

Print Friendly, PDF & Email