L’Aulivello di Molinara, la nuova cultivar: risultati dell’analisi genetica

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Rocco Cirocco

L’Aulivello di Molinara, la nuova varietà di oliva scoperta nella provincia sannita, in via di classificazione presso il Ministero dell’Agricoltura, sarà oggetto di un confronto pubblico al Palazzo Ionni di Molinara. Appuntamento sabato 19 marzo alle ore 18:00. I risultati dello studio, rivelatosi di interesse straordinario per la comunità molinarese e per il mondo olivicolo nazionale, saranno esaminati dai ricercatori del CNR di Perugia che hanno evidenziato l’unicità di una cultivar mai rilevata in altri luoghi. Un lavoro intenso – finanziato dalla Cooperativa Agricola Terre di Molinara – che ha permesso di recuperare e dare valore ad un patrimonio del passato con lo scopo di assegnare un futuro ancora più prestigioso e inconfondibile all’olio extravergine d’oliva della piccola comunità fortorina. Un percorso condiviso e collettivo, un’idea di agricoltura moderna e di assoluta qualità che non sfrutta il territorio ma, diversamente, lo qualifica e lo cura.

Il tema si intreccia con il turismo culturale, nell’accezione enogastronomica, che spinge i consumatori ad acquistare, oltre ad un prodotto tipico, una storia che fa riferimento a una comunità. L’occasione sarà utile per riflettere sullo stato dell’arte e sulle prospettive del presidio di biodiversità da costruire attorno a quel luogo simbolo dove insistono alberi millenari che oggi hanno finalmente una loro precisa identità. La discussione sarà presieduta da Rocco Cirocco, Presidente della Cooperativa Agricola Terre di Molinara. Porterà i saluti il Sindaco di Molinara Giuseppe Addabbo. Tra i relatori Angelo Loconte, Responsabile dei Presìdi Slow Food, l’Agronomo Vincenzo Coppola, Claudio Di Vaio del Dipartimento di Agraria Università di Napoli Federico II e Saverio Pandolfi del CNR di Perugia Seguirà degustazione de L’Origine, il monovarietale di Aulivello di Molinara, extravergine lavorato in purezza nel frantoio delle Terre di Molinara.

Print Friendly, PDF & Email