Sant’Agata de Goti: messa in sicurezza delle strade del centro Storico.

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo

Con delibera n. 124 del 15 ottobre scorso la Giunta Comunale ha dato il via libera al progetto esecutivo per i lavori di messa in sicurezza delle strade del centro Storico.

Il contributo per la realizzazione degli interventi, dell’importo complessivo di circa 90.000 euro, è stato assegnato all’Ente per la realizzazione di progetti relativi ad investimenti nel campo dell’efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020.

Il progetto esecutivo, redatto dall’Area tecnica comunale, prevede la demolizione dell’attuale pavimentazione a base di cemento o bitume presente e la realizzazione della pavimentazione in basolato calcareo come già esistente sulle arterie più importanti del Centro Storico.

I lavori riguarderanno in particolare la strada che collega piazza Trento e via Martorano e il tratto che collega via dei Fiori e largo Ostieri con la piazza del Carmine.

Altri interventi di manutenzione straordinaria del già esistente basolato interesseranno diversi punti del Centro Storico tra i quali via Diaz, via Perna e piazza Umberto I.

“Un intervento importante –commenta l’assessore a lavori pubblici e infrastrutture Nicoletta Vene–  i cui lavori sono stati già affiati e che ci permetterà di mettere in sicurezza molte strade del nostro meraviglioso Centro Storico, grazie ai contributi intercettati, a valere sul FSC 2014-2020, assegnati a questo Comune con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico.

Questa opera, prosegue Vene, si aggiunge ai grandi interventi infrastrutturali che vedono protagonista il nostro territorio e mi riferisco al riammaglio della S.P. 121 e 128 al fine di favorire l’accessibilità da e verso la stazione ferroviaria di Valle di Maddaloni – Sant’Agata de’Goti, alla ristrutturazione del Palazzo ex Banco Napoli, nonché al risanamento ambientale del Vallone Fagnano.

La nostra azione amministrativa, conclude, sarà sempre volta a dare risposte concrete alle necessità e ai bisogni primari della comunità”.

Print Friendly, PDF & Email