Accadde oggi: 4 settembre 476 d.C., cessa di esistere l’Impero Romano d’Occidente

postato in: Accadde oggi | 0
Condividi articolo

Il 4 settembre 476 d.C. avvenne la fine Impero Romano d’Occidente e il quattordicenne Flavio Romolo Augusto, noto anche col diminutivo di Augustolo, cioè Piccolo Augusto, è considerato tradizionalmente l’ultimo imperatore romano d’Occidente in quanto, dopo la sua deposizione a opera di Odoacre, non vi fu nessuna nuova nomina imperiale. In effetti il nomignolo era doppiamente significativo, in quanto si riferiva sia alla giovane età dell’imperatore sia alla sua insignificanza politica, essendo il vero potere nelle mani del padre Oreste. Gli autori di lingua greca giunsero persino a storpiare il nome Romulus in Μωμῦλλος, Momullos, «piccola disgrazia. Poco più che un bambino, Romolo era un vero e proprio fantoccio nelle mani del padre Oreste, magister militum dell’esercito romano dopo la deposizione del precedente imperatore, Giulio Nepote e regnò per soli dieci mesi. Romolo era di fatto un adolescente incapace di assumere le responsabilità che il potere comportava, ed era proprio Oreste a detenere il potere in nome del figlio. A suo nome, vennero coniate quantità di solidi d’oro a Roma, Milano e Ravenna, alcune persino ad Arles, in quanto la Gallia era una delle poche province ancora in mano romana. Il solido era una moneta d’oro, che sostituì l’aureo, coniata nell’Impero romano: fu introdotta da Costantino I nel 309/310 e usata in tutto l’Impero Romano d’Oriente fino al X secolo. Il nome era stato utilizzato in precedenza da Diocleziano e le parole usate oggi come soldosoldato, assoldare, o in inglese come soldier e il tedesco Soldat, derivano proprio dal termine solidus.

Il problema più urgente era gestire le truppe barbariche che erano poste a difesa dell’impero, ufficialmente fedeli all’imperatore, ma effettivamente tenute a bada dai pagamenti versati continuamente attingendo alle casse dello stato. Alla morte di Oreste per volere di Odoacre, Romolo Augusto fu deposto dallo stesso. Ciò che accadde in seguito a Romolo è misterioso. Si pensa che Odoacre lo abbia risparmiato in virtù della sua giovane età, esiliandolo a Napoli nel Castellum Lucullanum, l’antica villa di Lucullo, attuale Castel dell’Ovo, con un vitalizio di 6mila solidi annui. Altri affermano che Odoacre lo esiliò in Campania, ma non menzionano nessun vitalizio.

Print Friendly, PDF & Email