‘A morte ‘o ssaje ched’e? È una livella…

pubblicato in: Curiosità | 0

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza/ per i defunti andare al Cimitero./ Ognuno ll’adda fà chesta crianza;/ ognuno adda tené chistu penziero./ Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,/ di questa triste e mesta ricorrenza,/ anch’io ci vado, e con dei fiori adorno/ il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza./ St’anno m’é capitato ‘navventura/ dopo di aver compiuto il triste omaggio./ Madonna! si ce penzo, e che paura!,/ ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:/ s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:/ io, tomo tomo, stavo per uscire/ buttando un occhio a qualche sepoltura./ “Qui dorme in pace il nobile marchese,/ Signore di Rovigo e di Belluno,/ Ardimentoso eroe di mille imprese,/ Morto l’11 maggio del’31”./ ‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto,/ sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;/ tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:/ cannele, cannelotte e sei lumine./ Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore,/ nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,/ abbandunata, senza manco un fiore;/ pe’ segno, sulamente ‘na crucella./ E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:/ “Esposito Gennaro – netturbino”:/ guardannola, che ppena me faceva/ stu muorto senza manco nu lumino!/

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo./ Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!/ Stu povero maronna s’aspettava/ ca pur all’atu munno era pezzente?/ Mentre fantasticavo stu penziero,/ s’era ggià fatta quase mezanotte,/ e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,/ muorto ‘e paura, nnanze ‘e cannelotte./ Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?/ Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia./ Penzaje: stu fatto a mme me pare strano./ Stongo scetato, dormo, o è fantasia?/ Ate che fantasia; era ‘o Marchese:/ c’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;/ chill’ato appriesso a isso un brutto arnese;/ tutto fetente e cu ‘nascopa mmano./ E chillo certamente è don Gennaro,/ ‘o muorto puveriello, ‘o scupatore./ ‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:/ so’ muorte e se ritirano a chest’ora?/ Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,/ quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,/ s’avota e tomo tomo, calmo calmo,/ dicette a don Gennaro: “Giovanotto!/ Da Voi vorrei saper, vile carogna,/ con quale ardire e come avete osato/ di farvi seppellir, per mia vergogna,/ accanto a me che sono blasonato!/ La casta è casta e va, sì, rispettata,/ ma Voi perdeste il senso e la misura;/ la Vostra salma andava, sì, inumata;/ ma seppellita nella spazzatura!/ Ancora oltre sopportar non posso/ la Vostra vicinanza puzzolente,/ fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso/ tra i vostri pari, tra la vostra gente”./

“Signor Marchese, nun è colpa mia,/ i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;/ mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,/ i’ che putevo fa’ si ero muorto?/ Si fosse vivo ve farrei cuntento,/ pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse/ e proprio mo, obbj’, ‘nd’a stu mumento/ me ne trasesse dinto a n’ata fossa”./

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,/ che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?/ Se io non fossi stato un titolato,/ avrei già dato piglio alla violenza”!/

“Famme vedé. Piglia a sta violenza!/ ‘A verità, Marché, me so’ scucciato ‘e te sent’;/ e si perdo ‘a pacienza, me scordo/ ca so’ muorto e so mazzate!/ Ma chi te cride d’essere, nu ddio?/ Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?/ Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;/ ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”./

“Lurido porco! Come ti permetti,/ paragonarti a me ch’ebbi natali illustri,/ nobilissimi e perfetti,/ da fare invidia a Principi Reali”?/

“Tu qua’ Natale, Pasca e Ppifania!!!/ T”o vvuo’ mettere ‘ncapo, ‘int’a cervella/ che staje malato ancora è fantasia?/ ‘A morte ‘o ssaje ched’e? È una livella./ ‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,/ trasenno stu canciello ha fatt’o punto/ c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:/ tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?/ Perciò, stamme a ssenti’ nun fa ‘o restivo,/ suppuorteme vicino – che te ‘mporta?/ Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:/ nuje simmo serie: appartenimmo à morte”!

VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Print Friendly