Don Mimmo Battaglia: oggi i primi incontri con i casi fragili della sua nuova Diocesi

Condividi articolo

Primo giorno da arcivescovo, oggi, per don Mimmo Battaglia, che alle 17, in una cerimonia di insediamento, alla presenza di numerose autorità e fedeli, è ufficialmente divenuto pastore metropolita di Napoli. Com’è nel suo stile e nel suo carattere, don Mimmo, nel suo primo giorno partenopeo, ha visitato le periferie di Napoli, facendo incontri molto forti e sentiti; dai genitori di Franco Della Corte, il vigilante ucciso in servizio, fino all’incontro in preghiera con una giovane nigeriana sieropositiva, che più volte ha subito violenze e sfruttamenti. Don Mimmo ha anche fatto visita alla famiglia di un operaio della Whirlpool, in grave difficoltà lavorativa. Un segno di vicinanza verso gli umili, i sofferenti, verso gli oppressi e verso ogni ingiustizia, Un segno di vicinanza e di rispetto verso le difficoltà legate al mondo del lavoro e a ogni piaga che segni il cammino della nostra fragile società. Quello che don Mimmo ha sempre fatto, lo ha messo già in pratica nel suo primo giorno napoletano.





Print Friendly, PDF & Email