Cerreto Sannita, Ciaburri: “Disponibile al dialogo con il Sindaco Parente”

Condividi articolo
Comunicato Stampa – Gianmariamichele Ciaburri (Impegno per Cerreto Sannita)

Così scrive Gianmariamichele Ciaburri: “La remissione delle deleghe da parte dei due consiglieri del Comune di Cerreto Sannita non solo ha creato nuovi equilibri politici all’interno della giunta comunale presieduta dal Sindaco Giovanni Parente, ma ha estromesso lo stesso ente dalla giunta della comunità montana del Titerno. Infatti, fino a pochi giorni fa la vice presidenza dell’ ente montano, era rappresentata da un consigliere comunale cerretese, ruolo che grazie alla crisi politica innescata da un Sindaco sempre più isolato politicamente oggi è stato ceduto al Comune di Sassinoro“.

Senza entrare nel merito delle scelte politiche – continua Ciaburri – che hanno portato alla nomina del Sindaco di Sassinoro all’interno della Comunità Montana, quello che voglio evidenziare è che ormai Cerreto Sannita è un malato in terapia intensiva e primo o poi qualcuno sceglierà di tirare la spina. In questi giorni nella comunità cerretese vi è fermento al fine di riorganizzare le fila di vecchie glorie della politica locale con lo scopo di disputare l’ultima grande partita, per riportare in vetta una squadra che nei fatti è stata sempre perdente“.

Da sempre sono stato critico – conclude Ciaburri – nei confronti del Sindaco Parente, oggi però ho offerto la mia disponibilità al dialogo in ragione del fatto che ho preso coscienza di non potere continuare a crocifiggere un Primo cittadino che ha dei grandi “limiti”. Allora il dialogo può essere possibile in virtù di un progetto politico nell’interesse di Cerreto Sannita. Naturalmente la mia disponibilità al confronto prevede una sola condizione: chi è stato parte attiva del fallimento della comunità deve definitivamente farsi da parte e lasciare ad altri la possibilità di tentare di salvare quel poco di buono che è rimasto nel nostro Paese“.

Print Friendly, PDF & Email