IC Telese Terme, la Dirigente Scolastica Pellegrino: “come i supereroi sconfiggeremo la pandemia”

Condividi articolo

La tecnologia che viene incontro alle famiglie, agli studenti a casa, al distanziamento. Questo distanziamento che ci è stato imposto, per il bene di ognuno di noi, dei nostri nonni, dei giovani più fragili, dei nostri genitori. Questo il messaggio in remoto, tramite la piattaforma Cisco della dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Telese Terme, Rosa Pellegrino, a circa 400 studenti, a tutti gli insegnati dei plessi scolastici di Telese e Solopaca, a genitori connessi contemporaneamente. Manine che salutavano, alberi di Natale come sfondo e tanta, tanta emozione. “Distanziamento e mascherina sono le regole fondamentali” – ha sottolineato la Professoressa Pellegrino “che ci insegnano che nella vita, quando dobbiamo raggiungere un obiettivo importante, dobbiamo essere disposti a rinunciare”.

“Dobbiamo rinunciare alle cose che vorremmo” – ha proseguito la Pellegrino “allo sport, a qualche viaggetto, alla scuola fisica e in presenza, ma la scuola c’è stata tutti i giorni. ed è entrata nelle nostre case. Ogni mattina accendiamo computer, telefoni, tablet e copntinuiamo a stare connessi con i compagni e i nostri insegnanti. In passato, a causa delle guerre o delle pestilenze oppure di forti terremoti si interrompeva tutto, oggi, grazie alla tecnologia, restiamo sempre connessi e la scuola può andare avanti”. Centinaia di piccoli volti, bambini alle prese con microfoni e webcam, qualche aula di scuola elementare in presenza, tutti ad ascoltare il messaggio della Pellegrino avanti al pc. Bimbi che hanno ancora bisogno di crescere e di guardare il mondo con i loro occhi, ai quali la dirigente si è rivolta con una metafora che a loro piace tanto: “Cosa fa un supereroe? Sconfigge il nemico, e noi siamo i supereroi che, rispettando le regole, sconfiggeremo la pandemia”. “Sarà un Natale che ricorederemo per sempre” ha concluso la Pellegrino” – “ci accontenteremo di abbracci virtuali. L’importante è che non perderemo mai la speranza e che potremo ripartire quanto prima”.





Print Friendly, PDF & Email