La “rockstar” del fumetto italiano Roberto Recchioni a Castelvenere

Condividi articolo
Comunicato Stampa

Presso la nuova galleria d’arte Mondoromulo Arte Contemporanea di Castelvenere sabato prossimo, 10 dicembre (ore 17), farà tappa “la rockstar del fumetto italiano”, Roberto Recchioni.
Recchioni, direttore editoriale e principale sceneggiatore di Dylan Dog, nonché scrittore di personaggi iconici come Tex, Diabolik e Topolino, inaugurerà una personale a cura diMarco Amore dal titoloF.E.A.R. – Fenomenologia Esistenziale d’Autarchia Romantica, nello spazio espositivo diretto dal fotografo ritrattista, grafico e artistaFlavio Romualdo Garofano. “Stiamo vivendo un periodo storico molto particolare”, dice Flavio Romualdo Garofano. “Eabbiamo quanto mai bisogno di artisti che ci raccontino la quotidianità e i suoi problemi in maniera intelligente come fa Recchioni.
Con F.E.A.R.,Robertoci trascina in un vortice distopico: facciamo tappa nei suoi momenti esistenziali (che diventano tavole illustrate) e ne veniamo fuori arricchiti, meno sordi e indifferenti agli stimoli del mondo”.

Il curatore della mostra, Marco Amore, ribadisce l’importanza del lavoro artistico di Recchioni, capace di spaziare dal cinema al fumetto, dal romanzo al disegno: “Recchioni è senza dubbio una delle figure più interessanti attualmente in circolazione. La sua voglia di sperimentare nuovi medium lo rende il prototipo perfetto dell’artista contemporaneo: multiforme, versatile, capace di padroneggiare linguaggi differenti con notevole maestria”. L’esposizione, allestita presso Mondoromulo Arte Contemporanea, è un esempio lampante della sua flessibilità nel campo della rappresentazione grafica e surrealista.

In molti lavori si respira il senso tragico dell’esistenza proprio delle tele di Rothko, cui l’artista romano sembra essersi in parte ispirato: qui esplora un mondo sconosciuto cui anche le opere del pittore statunitense sembrano spesso alludere, inoltrandosi in orizzonti al di là dello spazio e del tempo e invitando l’osservatore a compiere un viaggio verso territori interiori ancora inesplorati.

È davvero stupendo, per un piccolo comune sannita, poter accogliere un personaggio di caratura come Roberto Recchioni. Per la prima volta non bisogna recarsi a un festival internazionale del fumetto o del cinema per venire in contatto con una personalità così importante e complessa, la cui fama valica di gran lunga il campo dell’arte sequenziale. Il lavoro portato avanti da Mondoromulo Arte Contemporanea renderà possibile a giovani e meno giovani di venire in contatto diretto con l’artista, ascoltarlo dal vivo e, perché no, ottenere eventuali dediche per tutti i suoi fan, come lui stesso ha annunciato in questi giorni su Instagram. La mostra è a ingresso libero.

Chi è Roberto Recchioni

Roberto Recchioni, romano, classe 1974. È romanziere, sceneggiatore e soggettista per il cinema e il fumetto, illustratore, critico cinematografico e videoludico, web influencer e regista. La sua principale occupazione è l’arte sequenziale ed è stato definito “la rockstar del fumetto italiano”. Direttore editoriale e principale sceneggiatore della Bonelli per la famiglia di collane dedicata a Dylan Dog (il secondo personaggio a fumetti più venduto e di maggior successo in Italia, pubblicato in larga parte dell’Europa, Sud America e America del Nord) e scrittore di personaggi iconici come Tex (testata più venduta in Italia e tra le più vendute al mondo), Diabolik e Topolino. Ha creato le testate a fumetti di John Doe e Detective Dante per l’Aurea Editoriale (assieme a Lorenzo Bartoli), due fumetti culto che hanno avuto una decennale esperienza in edicola, poi rinnovata in libreria.

Ha dato alla luce Battaglia (Mondadori, BD, Cosmo), David Murphy: 911 (Panini) e la serie di Orfani (Bonelli). Mater Morbi, la sua graphic novel più nota, ha vinto i maggiori premi italiani di critica ed è stata pubblicata in tutto il mondo. Chambara – la via del samurai, Asso, Ammazzatine, Le Guerre di Pietro, Ucciderò ANCORA Billy the Kid sono altri romanzi a fumetti pubblicati in Europa. Dalla graphic novelMonolith (anche questa pubblicata in tutta Europa oltre che in USA) è stato tratto un film internazionale. Come illustratore e curatore ha realizzato, per le Edizioni Star Comics, le collane Roberto Recchioni presenta: I Maestri dell’Orrore, dell’Avventura e del Mistero. Si è occupato dell’ideazione, della sceneggiatura e della realizzazione dei fumetti legati ai film Lo chiamavano Jeeg Robot e Smetto Quando Voglio: Masterclass. Ha anche realizzato il primo fumetto legato al ciclo delle Cronache del Mondo Emerso di Licia Troisi. Ha pubblicato i romanzi YA – La battaglia di Campocarne, Ya – l’Ammazzadraghicon Mondadori e Ringo: chiamata alle armi per Multyplayer Edizioni. Ha realizzato delle copertine italiane dei romanzi di Lee Child per Longanesi.

Per Feltrinelli ha realizzato le Graphic NovelLa Fine della Ragione e Roma Sarà Distrutta In Un Giorno. Sta realizzando una nuova serie a fumetti per la rivista internazionale Heavy Metal. Scrive come critico cinematografico per la rivista Best Movie e per il portale di Screenweek ed è autore di social poster cinematografici per Koch Media, Warner, Sony. È regista della serie horror Carne Fredda.





Print Friendly, PDF & Email