Raffaele Benevento: “Fiorenza Ceniccola fa parte di un’amministrazione a sé stante”

Condividi articolo
Comunicato Stampa – Avvocato Raffaele Benevento, già consigliere comunale di Guardia Sanframondi, con delega al Contenzioso e affari legali e presidente della 1 commissione

Concordo con tutti riguardo al fatto che l’imminente tappa del Giro d’Italia possa apportare al nostro territorio una svolta e tanti benefici. Stiamo attraversando un periodo davvero duro e, per usare le parole di Gabriele Sebastianelli, la grande intuizione dell’amministrazione Panza, nella quale ho con fierezza militato, si è davvero trasformata in un’occasione d’oro, di immagine e di riscatto per la nostra zona sannita, in particolare per Guardia Sanframondi. E a proposito di Giro d’Italia vorrei riallacciarmi alla proposta del consigliere comunale di maggioranza, Fiorenza Ceniccola, circa la richiesta fatta al presidente del Consiglio Comunale, avv. Silvio Falato, sulla costituzione di un consorzio turistico a r. l. denominato Gustasannio. “Richiesta finora disattesa”, si legge con una vena di polemica in un comunicato diramato lo scorso 1 marzo dalla Ceniccola. Un comunicato che arriva pochi giorni dopo un’altra nota della stessa Ceniccola, nella quale ella suggeriva di voler presentare richiesta in Consiglio Comunale per la realizzazione, a Guardia Sanframondi, di una strada in onore e memoria di Bettino Craxi, ex presidente dei ministri ed esponente del partito socialista.

Tengo a sottolineare che mi ritengo una persona altamente democratica, ragion per cui sono assolutamente rispettoso di qualsiasi proposta arrivi da chiunque, nel rispetto della libertà di espressione e di ogni singolo pensiero. Porto rispetto verso ogni idea, e la accetto, seppur non condividendo. In questa circostanza, certamente non condivido in alcun modo l’idea del Consorzio Gustasannio, men che meno quello dell’idea di una strada a Craxi, idea assolutamente politica che non appoggio per tanti motivi. Quello che però apprezzo è la forza della Ceniccola rispetto al resto della sua compagine. Le riconosco il coraggio, l’ardire con cui porta avanti le sue idee e le proposte fatte durante la campagna elettorale. Ho l’impressione, talvolta, che la Ceniccola faccia parte di un’amministrazione a sé stante, come se fosse una nota stonata rispetto alla Giunta e agli altri consiglieri di maggioranza.

Lei sta portando avanti il suo programma, fa comunicati per conto suo, come fosse un’esponente del governo cittadino a parte. Anzi, lei è l’unica che comunica, dato che da parte dell’amministrazione comunale c’è assoluto immobilismo comunicativo e fattivo, assoluto silenzio. È strano, è come vedere due forze diverse, non amalgamate, nell’amministrazione comunale. La Ceniccola è come se non si riconoscesse nell’operato dei suoi compagni e colleghi, o forse sono i suoi compagni e colleghi che non ne riconoscono il valore e la tengono estraniata. Possibile che le uniche proposte, le uniche note comunicative provengano soltanto da una persona, mentre il resto della maggioranza amministrativa, a cominciare dal primo cittadino per proseguire con Giunta e consiglieri, lavori nella totale stasi e nell’assoluto silenzio, cosa che non dà alcun segno di speranza per il futuro? Fiorenza Ceniccola, o chi per lei, ha già omaggiato questa amministrazione di un programma elettorale che sta portando avanti. Cosa faranno i suoi colleghi della maggioranza? Invertiranno la tendenza percorsa negli ultimi cinque mesi”?





Print Friendly, PDF & Email