Solopaca, incontro su opportunità e programmazione del contratto di fiume

Condividi articolo

Comunicato Stampa – Domenico Francesco Galdiero, vicesindaco di Solopaca

Galdiero incontra la Società Civile: CdF (Contratto di Fiume) Basso Calore Beneventano, grande  opportunità per la riqualificazione dei nostri territori.

Martedì 23 febbraio 2021 si è svolta nell’aula Consiliare del Comune di Solopaca, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale previste dai protocolli anti-covid, un incontro sul tema ‘Contratto di Fiume Basso Calore Beneventano – opportunità e programmazione negoziata’. All’incontro – promosso da Domenico Francesco Galdiero, componente dell’Assemblea Nazionale del PD e vicesindaco della piccola cittadina sannita – hanno partecipato Legambiente, associazioni locali, pro loco, e studiosi del territorio. 

Ad aprire i lavori è stato lo stesso Galdiero, sottolineando  che attraverso la partecipazione diffusa, i Cdf si pongono l’obiettivo di riqualificare i territori di un determinato bacino idrografico tramite interventi multi settoriali e coinvolgendo, su base volontaria,  tutti gli Enti Istituzionali e soggetti privati sul territorio per dare vita ad una visione condivisa per la gestione di un bacino/sottobacino fluviale e per lo sviluppo integrato del territorio. Galdiero ha continuato evidenziando il grande lavoro che sta svolgendo l’Ente Parco del Taburno Camposauro, soggetto attuatore del Contratto Fiume individuato dall’Assessorato all’Ambiente della Regionce Campania.

A seguire, gli interventi di Legambiente (Valle Telesina) con Grazia Fasano e  Leucio Iacobelli, i quali hanno marcato l’importanza del documento strategico  e del Piano d’azione attività fondamentali per la riqualificazione delle nostre aree. Su questi temi è intervenuto anche il consigliere comunale di Solopaca delegato all’Ambiente, Giuseppe Stanzione, il quale ha posto l’accento sulle potenzialità che questo strumento ‘CdF’ ha nei confronti degli Agricoltori e di un settore che spesso non viene tutelato dal punto di vista Ambientale e Economico.

Successivamente hanno preso la parola le associazioni, e il presidente della Pro loco Antonio Idonisi che con lo storico Salvatore D’onofrio hanno individuato  nel recupero e nella valorizzazione dei beni paesaggistici, architettonici e culturali punti di forza per uno sviluppo turistico -ecologico. Purtroppo le misure anti-Covid hanno limitato la partecipazione, ma è stata già data la disponibilità alle altre associazioni e professionisti di poter dare un contributo nel secondo incontro, con data fissata per martedì 2 marzo: “Si configura in tal modo un processo partecipativo in cui l’interesse collettivo risulta il propellente fondamentale ed il cento d’azione”. 

Print Friendly