A.O.R.N. “San Pio”: importante simposio sui tumori del colon-retto

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Antonio Froncillo

I tumori del colon-retto rappresentano la neoplasia di maggiore incidenza nel mondo. Il 20 – 25% dei pazienti affetti da questa patologia presenta metastasi alla diagnosi ed un altro 25% di essi svilupperà metastasi in  seguito. Attualmente esistono diverse opzioni di trattamento chirurgico, farmacologico e radioterapico dell’insidioso tumore, ma la definizione della terapia più opportuna richiede uno studio accurato di ogni  singolo  caso con un approccio multidisciplinare, applicando il corretto percorso diagnostico-terapeutico.

A questo tema è dedicato un importante simposio dal titolo “Standardizzazione e qualità delle cure nei tumori del colon-retto”, promosso dall’A.O.R.N. “San Pio” per la giornata di venerdì 6 maggio, presso la Sala convegni “Maria SS. delle Grazie” del Presidio Ospedaliero “G. Rummo” di Benevento. “Il significato di portare a confronto sull’argomento esperti di diversa estrazione e provenienti da esperienze diverse e da diversi nosocomi offre un’importante occasione di confronto che sottolinea ancora di più il valore della multidisciplinarietà – afferma il Dott. Mario Annecchiarico, Direttore della U.O.C. Chirurgia Generale e Oncologica del “San Pio”, cui è affidato il coordinamento scientifico del convegno – Per utilizzare al meglio le opportunità di trattamento emerse nei tempi più recenti è indispensabile un lavoro di squadra, che vede coinvolte molteplici figure professionali, dal patologo, al radiologo, al chirurgo, all’oncologo, al radioterapista, etc.”.

Il Direttore Generale, Mario Nicola Vittorio Ferrante, nel ribadire “l’approccio multidisciplinare come programma terapeutico condiviso tra vari specialisti e personalizzato per ciascun paziente, che ricolloca l’individuo al centro del piano di cura”, sottolinea che con questo evento di altissimo livello il “San Pio” rimarca il “ruolo sempre più importante conquistato sul territorio particolarmente delle area interne della Campania”.





Print Friendly, PDF & Email