Amedeo Ceniccola rinnova la proposta di “ribattezzare” la “Fondo Valle Isclero” in “Via della Falanghina”

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo

Alla c. a. del Direttore Compartimentale

ANAS  per la Campania

Dr. Aldo Castellari

Egregio  Direttore Castellari, nel constatare che i lavori di ripristino della pavimentazione lungo la “Fondo Valle Isclero”  avanzano di giorno in giorno (nonostante la pioggia ed il maltempo) con grande sollievo per gli automobilisti che ogni giorno sono costretti a percorrerla per raggiungere Napoli e/o Campobasso sono qui per rinnovarLe la richiesta (nota del 10/04/2019)  di “ribattezzare” la succitata Strada Statale 265var  in “Via della Falanghina”  per dare il via ad una straordinaria operazione di promozione territoriale incentrata sulla valorizzazione del patrimonio naturalistico, artistico, culturale, artigianale ed enogastronomico.

Il vino è sinonimo di unità,  ogni sua caratteristica va a formare un puzzle ben definito e questo piccolo cambiamento toponomastico può rappresentare  un grande attrattore turistico ed una preziosa occasione di sviluppo economico per il Sannio.

La Via della Falanghina (estesa dal castello di Limatola fino a quello di Montesarchio e attraversando i  vigneti e borghi medievali della Valle del Vino)  può diventare  uno straordinario attrattore culturale se agganciata ad un’altra idea-forza: la predisposizione di un itinerario turistico teso a valorizzare il territorio con il recupero e la rifunzionalizzazione  dell’architettura fortificata presente nel Sannio.     

In poche parole, sono qui per chiederLe di replicare in Campania quello che l’ANAS ha già fatto in altre parti del Paese (vedi la Strada degli Scrittori  SS 640 realizzata in Sicilia). In attesa di un cortese riscontro, l’occasione è gradita per rivolgere i più cordiali saluti.                                                                                                    

Dott. Amedeo Ceniccola| ex Sindaco di Guardia Sanframondi





Print Friendly, PDF & Email