Crollo cimitero Sant’Agata, partite le operazioni di recupero dei feretri e degli ossari

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Sindaco di Sant’Agata de’ Goti Salvatore Riccio

“Stamane hanno avuto inizio le operazioni di recupero dei feretri e cassettini-ossario che, a seguito della frana dell’ala del blocco di loculi denominato “Longo 1” posto dal lato della scarpata, si sono riversati nell’alveo del torrente Pozzilli-Martorano”.

“Al momento sono stati recuperati e identificati 11 feretri ancora chiusi in quanto rimasti, nonostante la caduta, posizionati all’interno dei loculi e ne è stata data notizia ai familiari. Inoltre – aggiunge – si sta procedendo, sotto stretta vigilanza dell’Asl e previa identificazione, al trasferimento nella Chiesa Madre e in altri loculi nella disponibilità di familiari, dei resti mortali tumulati nell’altra ala del blocco “Longo 1”. Ad ora sono state effettuate al riguardo  15 estumulazioni. I lavori sono stati sospesi a causa della forte pioggia alle ore 16 circa e riprenderanno domani mattina. Le informazioni e gli aggiornamenti sulle operazioni in corso saranno resi noti tramite i canali istituzionali.

In ogni caso – conclude il primo cittadino -, al momento del recupero o dell’estumulazione e successiva traslazione, gli uffici comunali notizieranno senza ritardo direttamente i familiari. Infine, presso il cimitero capoluogo, per conoscenza, verrà affisso l’elenco completo dei loculi dell’intero blocco Longo 1 interessati dalle suddette operazioni”.





Print Friendly, PDF & Email