Fatebenefratelli: benedizione del “Mammografo Digitale-Tomosintesi 3D”

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Ufficio Stampa Fatebenefratelli Ospedale “Sacro Cuore di Gesù” 

Lunedì 8 Marzo 2021, alle ore 11.00, sarà celebrata la Festa di San Giovanni di Dio, fondatore dell’Ordine ospedaliero, co-patrono di Benevento e protettore degli ospedali, dei malati ed, infine, degli operatori sanitari. La solenne concelebrazione si terrà nella Parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli, e sarà presieduta da S.E. Rev.ma Mons. Felice Accrocca Arcivescovo Metropolita di Benevento.

Nel corso della cerimonia religiosa verrà rinnovato il dono dei “Ceri al Santo” da parte del Sindaco del capoluogo sannita  Clemente Mastella, a testimonianza del consolidato legame tra i Fatebenefratelli e la Città di Benevento. L’animazione liturgica sarà affidata al coro dell’Ospedale Sacro Cuore di Gesù. A seguire è prevista, nel reparto di Radiologia del Fatebenefratelli di Benevento, la benedizione del “Mammografo Digitale – Tomosintesi in 3D”. Un altro fiore all’occhiello per il servizio di Radiologia che aggiunge, alle apparecchiature già esistenti, questa tecnologia di ultima generazione importante nella prevenzione del tumore al seno.  Si tratta di uno strumento che consente un’estrema accuratezza diagnostica nello scoprire e localizzare le lesioni mammarie grazie alla combinazione d’immagini acquisite a due dimensioni, a tre dimensioni e con tomosintesi tridimensionale multi-strato. 

La tomosintesi, ha dichiarato il dott. Carmine Manganiello primario dell’Unità Operativa Complessa di Radiologia del Fatebenefratelli, è una particolare tecnica mammografica che in modo similare alla Tomografia Computerizzata (TC) permette di ottenere una ricostruzione tridimensionale del contenuto delle mammelle, in cui forma, densità e contorni di eventuali lesioni sono meglio apprezzabili. 

“Va chiarito, innanzitutto, ha aggiunto il dott. Carmine Manganiello, che la mammografia resta allo stato attuale l’esame diagnostico principale per la prevenzione del cancro al seno.  La Tomosintesi 3 D, pertanto, rappresenta l’ultima evoluzione della mammografia che introduce quello che era il parametro mancante, vale a dire la terza dimensione, cioè lo spessore. 

Attraverso la rotazione ad arco del tubo radiogeno questa tecnica consente, come la Tomografia Computerizzata,di ottenere una serie di strati di circa 1 mm di spessore in cui vengono riprodotti i diversi piani di cui si compone la mammella evitando, in tal modo, la sovrapposizione delle strutture e dei tessuti.  Molti tumori, soprattutto quando sono di piccole dimensioni, si nascondono dietro il normale tessuto ghiandolare e diventano visibili solo quando raggiungono dimensioni decisamente maggiori.  Questa tecnologia a strati sottili consente, quindi, di scoprili in fase precoce.  La dose di radiazioni assorbita – ha concluso il Primario Carmine Manganiello – è la stessa della mammografia convenzionale”.





Print Friendly, PDF & Email