Fenomeno di Raynaud, al San Pio prevenzione e diagnosi precoce con il “Progetto Mani Fredde”

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa

Prevenzione e Diagnosi precoce, Sensibilizzazione e nformazione alla popolazione sul Fenomeno di Raynaud alla diagnosi di Connettivite. L’iniziativa nell’ambito del “Progetto Mani Fredde”.

L’appuntamento è per Giovedi 22 dicembre, presso l’Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale San Pio. Presso la struttura si eseguiranno visite specialistiche con eventuale video capillaroscopia, un esame non invasivo e indolore che valuta il fenomeno delle mani che cambiano colore. Il fenomeno di Raynaud, infatti, oltre ad essere il segno precoce della malattia nel 90% dei pazienti sclerodermici, è presente anche nel 5% della popolazione sana come fenomeno funzionale di iper reattività al freddo che presenta un quadro capillaroscopico normale o aspecifico. Questo tipo di esame, permette di individuare i pazienti da inserire nel percorso interdisciplinare per il completamento diagnostico.

“Queste iniziative ci consentono non solo di sensibilizzare gli utenti alla prevenzione, ma anche di essere sempre più punto di riferimento per i cittadini a volte disorientati. Ci proponiamo di essere al passo con i tempi e con le nuove frontiere della medicina ” – afferma Maria Morgante, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera San Pio di Benevento
L’iniziativa è rivolta a tutti coloro che soffrono del Fenomeno di Raynaud, spesso segno iniziale di malattie autoimmuni.

Le visite saranno effettuate presso l’Ambulatorio di Reumatologia sito al piano terra del Padiglione Rummo dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore 17.00. Le prenotazioni saranno effettuate mercoledi 21 dalle ore 9.00 alle ore 12.00 al seguente numero telefonico 0824/57783. A tutta l’utenza è fatto obbligo di indossare la mascherina per l’intera durata della permanenza in ospedale.





Print Friendly, PDF & Email