Le cantine sannite premiate con la Medaglia d’oro e Gran Medaglia d’Oro nel concorso enologico “Città del Vino”

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo

Il Sannio e le sue eccellenze enologiche premiati nel XIX Concorso Enologico Internazionale Città del Vino che si è tenuto al Castello di Levizzano di Castelvetro di Modena dal 20 al 23 maggio 2021. Ben 26 le Gran Medaglie d’Oro e 333 le Medaglie d’Oro, dopo la valutazione di circa 1.400 etichette. Unica azienda sannita ad aggiudicarsi la Gran Medaglia d’Oro è la Torre Pagus di Paupisi con l’etichetta Beneventano Aglianico Impeto 2010. Per la Medaglia d’oro sono ben 5 le aziende sannite premiate: Falanghina del Sannio – Taburno Vendemmia tardiva Libero 2015 dell’azienda Fontanavecchia di Torreuso; Falanghina del Sannio – Taburno Adria 2020 di Torre dei Chiusi di Torrecuso; Aglianico del Taburno Docg Safinos 2016 della Cantina Il poggio di Torrecuso; Il Sannio DOC Barbera Versacrum 2019 di Masserie Vigne Vecchie di Solopaca; la Falanghina del Sannio DOC Cassyopea della Cantina Ca’Stelle di Castelvenere. “Il primo premio assoluto – annuncia Città del Vino – è la Gran Medaglia d’Oro assegnata al vino Chambave Muscat Flétri 2017 dell’Azienda La Vrille di Hervé Danile Deguillame di Verrayes (Frazione Grangeon) in provincia di Aosta, che ha ottenuto il punteggio di 96,8 con il suo vino passito a base di Muscat petit grain 100%”.





Print Friendly, PDF & Email