Le Rotte dei Profumi: Puteoli, Hercolaneum, Beneventum

postato in: Notizie dal Sannio | 1
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Petronilla Liucci
“Le Rotte dei Profumi: Puteoli, Hercolaneum, Beneventum”. Il viaggio delle essenze preziose dall’Oriente alla Campania Felix attraverso il Mediterrano”

Dopo il successo dell’evento, Museum Factories Mediateur, tenutosi al Bookshop del Museo del Sannio, “Sulle Rotte dei Profumi Antichi”,  patrocinato dall’Unisannio e dalla Provincia di Benevento – link evento -, riprende il viaggio, che vede protagonista la Benevento di epoca romana nel percorso condiviso dal Brand  Aromaticae Formulae La Pelagia; la linea di profumi d’Autore che, attraverso l’arte profumiera italiana  si arricchisce delle“ricerche scientifiche per il recupero della memoria botanica del Mediterraneo e dei suoi rituali  antichi” e creare il suo Made in Italy  dedicato ai bookshop museali, eventi storici di promozione turistica e iniziative di fundraising museale. Le Aromaticae Formulae, ripercorrono le tracce del Navigium Isidis, l’antico rito dedicato alla Dea Iside e le principali stazioni di posta: dal Chiosco costruito da Traiano sull’isola di Philae in Egitto, al frammento di barca della statua di Iside Pelagia di Benevento, che ha ispirato la ricostruzione del logo grafico del Brand.

Alla notizia, pubblicata sui social, dell’evento “Le Rotte dei Profumi: Puteoli, Hercolaneum, Beneventum , il viaggio delle essenze preziose  dall’Oriente alla Campania Felix attraverso il Mediterrano”, previsto per il prossimo  21 maggio  in diretta streaming  dal“MAVV, Wine Art Museum”, arrivano, i saluti dal Presidente della Provincia Antonio Di Maria, alle autorità e ai Relatori, compiaciuto della promozione del territorio sannita e dell’antico legame storico condiviso con Puteoli e la meravigliosa Hercolaneum.  

 ll Direttore  MAVV Eugenio Gervasio, saluterà l’audience insieme al Direttore di Dipartimento di Agraria Università Federico II, Danilo Ercolini, l’incontro LIVE, sarà  moderato dalla giornalista Francesca Scognamiglio e avrà inizio con ,la narrazione scientifica del PhD  Alfredo Carannante Head of the mediterranean Archeology Department International Institute for Archeology and Ethnology (IRIAE), un salto temporale nella storia, che ci trasporterà nell’atmosfera della Puteoli città cosmopolita, citata da Lucilio( III 124) con l’epiteto di  “Delus Minor”, meta dei mercanti d’Oriente ,Fenici, Egiziani, Siriani e Nabatei, che la animavano con i loro culti, e i  mercati di  spezie ed essenze, prodotti molto ricercati per i rituali religiosi e spesso  essenziali nella loro vita quotidiana. Un affascinante spaccato di vita multietnica, dove i protagonisti erano:  nobili cereali ,  vino aromatizzato, stoffe preziose e unguentaria,  forma di antica medicamina, che, attraverso l’olfatto  inebriavano le menti. L’intimo dialogo con la divinità, Il  sussurro votivo, per scopi propiziatori e la pratica oracolare  erano solo alcune delle abitudini sacre del tempo . Condiviso con Beneventum   era  il culto antico di Iside Pelagia che si mostrerà nel  racconto di viaggio della Liucci , che sulle tracce del Navigium Isidis, arriva ad  Hercolaneum, per poi  riprendere il mare alla ricerca della famiglia olfattiva  e per  studiare le essenze  del benessere, ripercorrerà le Vie Regie Traianee dalla Campania a Oriente, fino a sostare a Cipro e recuperare tutti gli  approfondimenti  sulle essenze antiche , tratte  dallo  studio “I Profumi di Cipro”  della Prof Maria Rosaria Belgiorno Ricercatore associato c/o ISPC-CNR, Ispettore onorario MiBACT , Resp. Indagini Archeologiche e archeometriche sul sito preistorico di Pyros/Manovraki a Cipro.

Dalla raccolta del patrimonio di ricerca,nasce“ EA eau de parfum”,  nel laboratorio di  profumi naturali-Safenatura di Firenze. Il primo profumo delle Aromaticae Formulae La Pelagia, loca nella sua confezione il pocket scientifico di Archeo News, ita- engl A Iside Regina – I culti egizi a Benevento” Valtrendeditore, di Giovanna Lombardi, che narra attraverso uno studio epigrafico, di templi e statuaria faraonica, rinvenuti nella città sannita.  Affascinante sarà  ascoltare la narrazione della rotta italica dei profumi, percorsa dal Direttore  del Parco Archeologico di Ercolano, Francesco Sirano, autore  dello studio “Le rose di Capua per l’archeologia del Profumo campano dal III sec. a.C.” che si soffermerà sul  profilo dei “Profumati Campani: dalla Seplasia di Capua alle Botteghe di Ercolano, accennando, dai ritrovamenti di scavo , come i ritmi quotidiani fossero scanditi dai profumi, dato che, passeggiando nel parco archeologico, ci si ritrova  facilmente nella via degli Augustali, loco ipotizzato per il mercato dei profumi, dove almeno due botteghe della strada erano dotate di torchi verticali che potevano essere utilizzati per l’estrazione di essenze , vere e proprie botteghe artigiane dotate di vasche, caldaie per riscaldare l’acqua e forse l’olio a bagnomaria per realizzare i profumi.

Quanto sia importane nei percorsi di educazione alla salute l’olfatto ce ne parlerà LA Prof.ssa Anna Maria Colao, Professore  Ordinario di Endocrinologia Dipartimento di Medicina Titolare della cattedra Unesco “Educazione alla Salute e allo sviluppo sostenibile” dell’Università degli studi  Federico II di Napoli . Valentina Della Corte, interverrà come Coordinatrice del Corso di Laurea Hospitality Management Dipartimento di Economia dell’Università degli studi di Napoli  Federico II.

La diretta live  su facebook dal MAVV,  wine art Museum ci regalerà anche un vero spaccato di storia dal vivo: “un tableau vivant di vita quotidiana di un’ancella Romana in  una bottega dei profumi”.La scena  dell’esperienza olfattiva di “EA eau de parfum” Aromaticae Formulae La Pelagia, sarà  ricostruita grazie all’ambientazione artistica di Rosanna De Cicco,la creazione del costume storico femminile, un’opera unica  di Maurizio Iannino, lo Styling  storic Hair & il Make up artist, di  Amelia Vastarella e Rosanna Spagnuolo, il  Model Management di Vincenzo Iannone e Silvia Bianculli.  L’invito a partecipare on line è esteso a tutto il pubblico del social: clicca qui





Print Friendly, PDF & Email