Limatola, valorizzazione del patrimonio storico – culturale

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Settantotto Press

Il tema della riqualificazione, della valorizzazione e della gestione del patrimonio di storia, arte, cultura e tradizioni tra i principali motivi dell’Amministrazione comunale di Limatola.
Tra le ultime iniziative intraprese in tal senso figura la richiesta di contributo per 1,6 milioni di euro, avanzata lo scorso 15 Marzo al Ministero della Cultura, nell’ambito del Pnrr, per la realizzazione del “Progetto locale di rigenerazione culturale e sociale del Borgo storico di Limatola”, come approvato con delibera di Giunta comunale numero 37 del 10 Marzo.

Si tratta di un progetto che mira non solo a procedere ad attività di sicurezza e valorizzazione del borgo attraverso il recupero ed il consolidamento di strade, spazi e mura pericolanti, ma anche alla realizzazione di una serie di manifestazioni annuali finalizzate ad ampliare il numero di visitatori e, nell’ottica di un ingentilimento del contesto urbano, al restyling di quelle strutture che da anni “disturbano” il paesaggio limatolese.

In linea con quanto già realizzato in questi anni per gli edifici pubblici limatolesi, e soprattutto per quelli abbandonati da anni quale l’ex struttura di via Volturno, oggi demolita per lasciare spazio ad un ampio parcheggio pubblico ed area fitness, si procederà con medesimo intervento anche sull’edificio scolastico incompiuto di via Santa Maria degli Angeli.

Lo stesso sarà oggetto di un intervento di demolizione che escluderà il solo piano terra che verrà destinato ad ospitare una moderna struttura socio-culturale-ricreativa a servizio dei giovani e a supporto delle piccole imprese, profit e non profit, che investiranno sul territorio e che usufruiranno di successivi contributi economici statali già stanziati.
Un’Amministrazione che si è mossa e continua a muoversi, quindi, anche su questo versante.
Laconico, in merito, il sindaco Parisi “Anche in questo caso, possiamo dire che abbiamo già fatto ciò che altri promettono di fare”.

Print Friendly, PDF & Email