Morte operaio a Benevento, la UIL: “Inaccettabile per un paese che pensa di essere civile”

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Ufficio Stampa UIL

Così in una nota il segretario regionale Uil Luigi Simeone e il segretario UilTec Avellino-Benevento Ciro Taccone: “Ancora una vittima della mattanza sul lavoro a Benevento. La scorsa notte un lavoratore di 58 anni muore schiacciato da un sacco di polimeri che stava spostando, ancora un prezzo inaccettabile per un paese che pensa di essere civile. Non si può trattare sempre come di una fatalità, si dirà che il fato, che non era un suo turno, che stava sostituendo un altro lavoratore, ma che deve succedere per mettere fine a questa che è una vera e propria strage? Bisognerà verificare l’utilizzo, i turni, i riposi biologici ma resta il fatto che a pagare sono sempre e troppi lavoratori inermi e soli di fronte al solo fatto di lavorare. La Uil e la Uiltec seguiranno con attenzione le indagini ma la campagna “zero morti sul lavoro” continua ad essere di una tragica attualità che deve impegnare le funzioni e la coscienza di tutti”.





Print Friendly, PDF & Email