Omaggio a Padre Pio, concerto dell’Orchestra del Conservatorio “Nicola Sala”

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” – Benevento

Giovedì 26 maggio a Pietrelcina gran concerto dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “Nicola Sala” per celebrare il 135° anniversario della nascita di Padre Pio

In occasione del 135° Anniversario della nascita di Padre Pio, nella chiesa conventuale “Sacra Famiglia” di Pietrelcina, giovedì prossimo, 26 maggio, alle 21.00, invitato dai Frati Minori Cappuccini, Comune e Pro loco di Pietrelcina, il Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, con l’Orchestra Sinfonica, terrà un gran concerto lirico-sinfonico in onore di San Pio.L’Orchestra Sinfonica, diretta dal maestro Maurizio Petrolo con i solisti Marta Fiorillo e Yuan Kechen, soprani e Michele Bonaccio, tenore, in collaborazione con la classe di Canto del maestro Luigi Petroni, si esibirà con un particolarissimo concerto dedicato a San Pio, proprio nella città natale del Santo delle stimmate nell’ambito delle celebrazioni ufficiali. Un programma impegnativo, con opere appartenenti alla grande tradizione musicale europea.

Il Concerto si aprirà con la Piccola serenata notturna in Sol maggiore di Mozart “Eine Kleine Nechtmisk” – K525 (1° movimento); seguirà di Strauss Pizzicato Polca e di Mascagni l’Intermezzo dalla Cavalleria Rusticana.  Sarà, quindi, eseguito di Offenbach “Barcarola” e di Puccini da Gianni Schicchi “O mio babbino caro” soprano Marta Fiorillo che replicherà con l’aria “Vissi d’arte” dalla Tosca di Puccini.

Continuando sull’onda delle arie liriche, saranno proposti alcuni noti brani di Giuseppe Verdi partendo dalla Traviata con il “Preludio atto Primo”, il famoso “Brindisi” con il duetto Marta Fiorilli e Michele Boccaccio, “Volta la terrea” e “Saper vorreste” da Un ballo in maschera con il soprano Yuan Kechen.  Sarà poi la volta di Donizzetti con L’elisir d’amore “Quanto è bella, quanto è cara” per la voce del tenore Michele Boccaccio. Il concerto si concluderà con un doppio gran finale: il Bolero di Ravel e con il vivace ed energico brano della “Sinfonia” dalla Norma di Bellini.

“Un ringraziamento di cuore va ai Frati Minori Cappuccini e al padre superiore Fortunato Grottola, al sindaco di Pietrelcina e alla Pro loco – hanno commentato il presidente del “Nicola Sala”, Antonio Verga e il direttore Giosuè Grassia – per aver voluto dare questa meravigliosa opportunità ai tanti giovani musicisti del Conservatorio di potersi esibirsi, dopo un lungo periodo dovuto alla pandemia, con un concerto che diviene così il simbolo della  rinascita dell’Orchestra  con la benedizione di San Pio”. In applicazione alle vigenti disposizioni in materia di sicurezza e contenimento dell’epidemia da Covid-19, l’accesso gratuito è consentito agli spettatori dotati di mascherina, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Print Friendly, PDF & Email