Scomparsa del direttore dell’Associazione Città del Vino: il ricordo di Alessandro Di Santo

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo

Un addio e un grande ringraziamento da tutti i castelveneresi

Vogliamo ricordare il Direttore dell’Associazione Nazionale di Città del Vino che si è spento a Siena all’età di 67 anni.

Piangiamo un grande direttore dell’associazione Città del Vino, un toscano che amava il nostro Sannio e amava Castelvenere. Abbiamo avuto il privilegio di conoscerlo di essergli stato vicino quale componente della giunta esecutiva dell’associazione città del vino, di essergli stato amico. Paolo Benvenuti si rese subito  disponibile e vicino alla nostra comunità, ed è stato un nostro interlocutore e suggeritore delle buone pratiche nel redigere, insieme al gruppo di lavoro del PUC, il Piano Regolatore di Castelvenere.

Grazie anche al suo supporto tecnico che il nostro comune ha ricevuto  a Torino nel 2013, primo classificato,  il riconoscimento di miglior Piano Regolatore delle città del vino, da parte dell’Istituto Nazionale di Urbanistica e dell’Associazione Nazionale delle Città del Vino.

Abbiamo conosciuto Paolo Benvenuti oltre che preparato direttore anche come persona. Egli ha sempre portato con sé una profonda umanità, questi valori erano alla base di ogni scelta tecnica. Aveva una forte formazione classica e filosofica  che gli permetteva di stabilire importanti relazioni umane. Paolo era anche un nostro amico e un amico di castelvenere.

Queste relazioni e il premio del PUC Castelvenere del 2013, hanno sicuramente aperto la strada alla scelta dei cinque comuni del sannio con la falanghina  all’anno europeo delle città del vino 2019.

Porgiamo pertanto le nostre sentite e sincere condoglianze alla sua famiglia e  al  Presidente Nazionale delle Città del Vino, Zambon. Perdiamo Paolo Benvenuti un grande direttore, un promotore e instancabile trascinatore, ma non perderemo la sua memoria e il suo lavoro svolto in questi anni.

Ciao Paolo, Grazie da tutta Castelvenere

                                                                                              Alessandro Di Santo

Print Friendly, PDF & Email