Tommaso Pellegrino: “Fondi Pnrr vanno spesi bene perché sono soldi a prestito”

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa

“Piuttosto che spendere un miliardo di euro per gli ospedali di comunità prevediamo interventi di riqualificazione strutturale degli ospedali esistenti dove mancano anche medici e infermieri. I fondi del Pnrr non sono soldi regalati, si tratta di un prestito fatto agli italiani che dovranno restituirlo e, quindi, va speso bene”. Lo ha detto Tommaso Pellegrino, capogruppo di Italia Viva al consiglio regionale della Campania, intervenendo, in qualità di presidente del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e degli Alburni, al workshop su “Made in Green – Nuove opportunità di sviluppo”, promosso dalla cooperativa sociale “Saturno” di Benevento presso l’ISS “M. Carafa – N. Giustiniani” di Cerreto Sannita. “Nello stesso tempo – ha aggiunto Pellegrino – occorre anche potenziare l’assistenza domiciliare per i malati”.

Pellegrino, nel suo intervento, ha poi evidenziato “l’importanza di far conoscere il nostro territorio ai giovani. Dobbiamo – ha detto – riappropriarci del nostro patrimonio storico, culturale, ambientale e paesaggistico”. A riguardo Pellegrino ha anche ribadito il suo impegno nel portare avanti una legge regionale che incrementi il turismo itinerante “quello – ha concluso – che favorisca la nascita di aree attrezzate per i camper e che porta un flusso di turisti considerevole”.

Oltre a Pellegrino, ai lavori hanno preso parte Giovanna Caraccio (Dirigente Istituto Carafa-Giustiniani), Ilaria Tedeschi (assessore del comune di Cerreto Sannita, Nicola D’Ovidio (esperto di architettura rurale) che ha evidenziato “l’importanza di mettere in rete tutti i parchi regionali della Campania” e la professoressa Marilena Palladino, dell’area internazionalizzazione dell’Istituto Carafa-Giustiniani che ha illustrato ai 700 studenti partecipanti il percorso realizzato di “Scuola Green”. I lavori del workshop sono stati trasmessi in live streaming su pagina facebook “labor” e sul canale YouTube “Carafa Giustiniani

Print Friendly, PDF & Email