Torrecuso, al via la Festa del Novello in contrada Saude

postato in: Notizie dal Sannio | 0
Condividi articolo
Comunicato Stampa – Antonio Iesce

Stasera a Torrecuso, provincia di Benevento, si alza il sipario sulla seconda edizione di ‘Sorriso di Bacco’ – Novello 2022 in programma fino a domenica 13 novembre presso l’Azienda Vitivinicola ‘Cav Mennato Falluto’ in contrada Saude, Tre serate all’insegna dei buoni sapori della tradizione locale con ottimi piatti tipici, le caldarroste, naturalmente buona musica e con riflettori accesi sul vino Novello.  Questa sera dalle ore 20.00 stand enogastronomici aperti e musica popolare e napoletana con il gruppo musicale ‘I Matesini’; domani, sabato 12 novembre, dalle ore 21:00 musica a firma della Dream Music con il noto sassofonista napoletano Salvatore Montano che delizierà gli enoturisti presenti con musica jazz, classica e naturalmente napoletana.

Mentre domenica 13 novembre ‘Novello Day’: dalle ore 9.00 alle ore 21.00 sarà festa no stop alla contrada Saude. Il programma prevede dalle ore 9.00 alle ore 10.00 accoglienza in azienda con prima colazione. Poi fino alle ore 12.00 percorso degustazione tra i filari e dalle ore 12.30 alle ore 21.00 apertura stand gastronomico. Dalle ore 15.30 divertimenti per adulti e bambini: passeggiate a cavallo tra i meravigliosi filari del‘Cav. Mennato Falluto’, musica, giochi e… tanta allegria. E finirà il tutto con un grande brindisi di buona salute. Per questa giornata ticket adulti 10,00 euro, ticket bambini 5,00 euro. La quota comprende l’accesso a tutte le attività, escluso lo stand gastronomico. “Il vino è una delle risorse più preziose del nostro territorio – dicono Anna e Mino Falluto -. Iniziative come queste rientrano in un’ottica di valorizzazione delle nostre eccellenze e dei prodotti che ci caratterizzano. ‘Sorriso di Bacco’, giunto alla seconda edizione, coniugherà insieme tradizione ed enogastronomia; ci aspettiamo tanti enoturisti – concludono Anna e Mino – non solo per degustare il Novello ma anche per scoprire il nostro meraviglioso territorio, il bel paesaggio che molti ci invidiano e l’ottima cucina tradizionale”. 





Print Friendly, PDF & Email