Immagini dal Sannio: il fascino del Castello di Gioia Sannitica, tra leggenda e realtà

postato in: Immagini dal Sannio | 0
Condividi articolo

Un fascino molto difficile da descrivere e raccontare, perché oggi parlo di una bellezza eclatante, seducente, un aspetto mitico che ci fa rivivere, appunto, storie e leggende di anni e anni fa. Nel 1532 il Castello di Gioia Sannitica fu donato al cavaliere spagnolo Ugo Villalumo da Carlo V, quale ricompensa per il valore ardimentoso dimostrato nella battaglia di Pavia. A quel periodo storico risale la leggenda della bella Erbanina di cui il cavaliere Villalumo si innamorò perdutamente, tanto da sposarla e portarla a vivere con sé all’interno del castello. Eppure la bella e dolce fanciulla nascondeva un segreto. Non un segreto qualsiasi, ma uno più che terribile: era una janara e in quanto tale era solita preparare unguenti, filtri, pozioni magiche e malefici di ogni sorte. Durante le notti di luna piena si ungeva per volare sopra l’intero borgo di Gioia Sannitica dirigendosi verso la zona beneventana, e si ritrovava con altre streghe e anche con stregoni per partecipare a macabri rituali e celebrare i Sabba, spaventando gli abitanti al punto da distoglierli dal sonno. Ma le prime voci di questo terribile segreto cominciarono a circolare all’interno del piccolo borgo. Le persone cominciarono ad accorgersi di questa particolare situazione, fino a che lo stesso Villalumo iniziò a sospettare della moglie, dei suoi strani atteggiamenti, finché non cominciò a spiarla. Fu così che durante una notte di luna piena, il Cavaliere la vide intenta a ungersi con il suo unguento e dopo lanciarsi dalla finestra della torre. L’uomo si ingelosì, si sentì tradito dalle continue bugie della moglie e per vendetta sostituì l’unguento con della normale sugna. Qualche tempo dopo, quando la donna provò a volare, non riuscì, perché la sugna non aveva tale potere, per cui si lanciò dalla torre, ma precipitò e morì. Il suo urlo fu talmente terrificante che la sua eco si sentì per tutto il borgo per più di un mese. Secondo altre fonti, Ugo, quando scoprì il segreto della bellissima moglie, invocò l’aiuto di San Michele che gettò personalmente Erbanina dalla torre del castello, uccidendola. 

Il Sabba

È intenso dona molte emozioni il fascino del castello di Gioia Sannitica. Come spesso accadeva nel perido medievale, i fortilizi inglobavano all’interno delle proprie mura i borghi che li ospitavano. E se lo si guarda dall’alto, il castello in questione è caratteristico per questo motivo: mura e resti dell’antico borgo si susseguono come in un labirinto all’interno delle mura del vecchio castello. Un’area archeologica tenuta discretamente, i resti curati ma abbandonati, in un castello nato in epoca normanna che sotto gli Svevi e gli Angioini subì molte opere di restauro. In seguito, nel 1394 un violento terremoto cagionò gravissimi danni alla struttura, danneggiando in maniera permanente la fiera torre principale, causando proprio lo spopolamento del borgo. Ci mise lo zampino anche un’epidemia di peste che sconvolse la gente del luogo, tanto da causarne l’abbandono definitivo. Un vero e proprio borgo fantasma dato che, una volta abbandonato non fu più occpuato. Il fortilizio è costituito da un edificio a pianta trapezoidale, e certamente l’edificio si immalzava su diversdi livelli, come testimoniato dalle scalinate presenti. Inoltre, su uno dei piani superiori vi sono tracce di un camino. Considerata la sua importanza, il castello viene citato nel Catalogus Baronum. L’intero sito archeologico domina tutta la valle settentrionale del Volturno e i percorsi che portano alla pianura campana. La torre circolare sta a rappresentare la dimora del feudatario, mentre le piccole case costituivano la dimora dei contadini; il torrione, alto e maestoso, serviva come estremo e sicuro rifugio. All’interno delle mura vi era un portone sulla cui apertura era uno stemma ancora visibile, che fa accedere al palazzo feudale di tre piani con un piccolo cortile. La disposizione delle varie costruzioni con le strette strade ha una trama quasi rettangolare. Un luogo ricco di fascino per quello che è considerato il castello meglio conservato dell’intera regione Campania.

Print Friendly