Immagini dal Sannio: Isernia, città candidata a Capitale della cultura 2021

pubblicato in: Immagini dal Sannio | 0

Continua a seguirci su Facebook


Sono 44 le città italiane candidate come Capitale della cultura 2021. Tra queste c’è anche il piccolo capoluogo molisano che ha però tanto da dare e da dire in fatto di storia e cultura, Isernia. I sindaci molisani hanno sostenuto con gran fervore tale candidatura e, nonostante qualche perplessità, la coesione regionale è stata forte e a ragione! Isernia custodisce un cuore storico e culturale che non ha nulla da invidiare alle sue “rivali” più grandi. Ecco che vi invito a leggere questo articolo, per immergervi con me in tanto fascino e tanta cultura.

Isernia, Aesernia in latino e Aisernio in osco, è stato il territorio più importante della civiltà del Sannio Pentro, quel grande e fiero popolo che a lungo si oppose alla dominazione romana. Isernia giace sul fianco di una collina, tra il monte Matese e le , collina che separa i corsi d’acqua del Carpino e del Sordo che confluiscono nel fiume Cavaliere, affluente del Volturno. Il Carpino probabilmente deve il suo nuovo nome alla valle in cui scorre, la valle caprina, il Sordo, invece, ha acquisito il nome dal suono cupo delle sue acque. Proprio perche giace vicino a questi fiumi, una delle ipotesi è che il toponimo Isernia provenga dalla radice indoeuropea ausa, che vuol dire acqua, radice che ha dato origine a molti nomi di luoghi e città in tutta Europa.

Fu tra iprimi insediamenti paleolitici documentati d’Europa, le prime tracce risalgono a 736 mila anni fa, i cui resti si trovano oggi nella località La Pineta. Questo giacimento risalente al Paleolitico ha restituito abbondante materiale sia archeologico che paleontologico ed è considerato di grande importanza per la ricostruzione dei primi popolamenti d’Europa, con resti faunistici molto abbondanti che appartengono a più specie: bisonte, elefante e rinoceronte sono gli animali più frequenti. Nel 2014, nell’area di scavo, è stato ritrovato un dente da latte, un incisivo superiore, di un bambino di circa 6-7 anni e, ad oggi, è il rinvenimento di bambino più antico d’Italia. Il ritrovamento di un cranio nella campagna di Ceprano, ha permesso la ricostruzione della fisionomia dell’uomo presente nel sito, con fronte sfuggente e piatta e statura bassa e robusta. La collocazione di questo uomo, ribattezzato come Homo Aeserniensis, è in un’epoca tra l’Homo erectus e l’Homo sapiens e di lui si sa che fosse stato il primo conoscitore e sperimentatore del fuoco.

La città di Isernia fu sotto il dominio Sannita fin dal V secolo a.C., e nel 264 a.C. divenne colonia romana. Nel 90 a.C. divenne la capitale della lega italica e per mano di Silla fu rasa al suolo. Negli anni successivi, vari imperatori, da Cesare a Nerone, promossero un piano di ripopolamento inviando colonie nei territori ove sorgeva la città e ai tempi di Traiano, Isernia venne elevata al rango di Municipio. Nel 456 venne rasa al suolo dai Vandali, capitanati da Genserico, che si guardarono bene dal ricostruirla. Isernia non è stata mai dotata di un castello, piuttosto di una cinta muraria ancora oggi in parte individuabile nel centro storico. Nel VII secolo, i Longobardi del ducato di Benevento ne promossero la rinascita con la costruzione di opere pubbliche e durante il dominio normanno, subì una fase di decrescita, con l’unificazione della sua diocesi con quelle di Venafro e Bojano. Già dal XII secolo, grazie alla sua sopraelevazione, era una città ben protetta. Nel XIII secolo, la città rinacque ancora, grazie a Federico II e nel 1519 Isernia fu annessa da Carlo V al Regno di Napoli. Alla fine del XVIII secolo, era la città più popolosa del Molise. Il 10 settembre 1943, durante la seconda guerra mondiale, Isernia subì un pesantissimo bombardamento da parte degli alleati, che rase al suolo quasi un terzo dell’abitato con la conseguente morte di un numero altissimo di persone. Dopo la scissione tra Molise e Abruzzi, il 16 febbraio del 1970 il Parlamento sancì l’istituzione della nuova provincia che divenne operativa il 3 marzo 1970.

Passeggiando nell’elegante e raffinato centro storico di Isernia e su Corso Marcelli, probabilmente non si penserebbe mai di avere, sotto ai piedi, i resti della colonia romana di Aesernia, costituita dopo la definitiva vittoria sui Sanniti, nel 263 a.C.. La Res pubblica romana divise la città su due strade principali: il cardo era proprio Corso Marcelli, il corso principale odierno di Isernia storica.

Il centro storico ha un’ampia piazza, dedicata a Celestino V, nativo di Isernia, nella quale è presente una delle fontane più belle e caratteristiche della storia dell’architettura italiana. È una fontana speciale, la Fontana Fraterna, denominata anche Fontana delle sette cannelle, tra le più belle d’Italia, un miscuglio di stili e pezzi. Su di essa vi è uno dei misteri dell’epigrafia: “-AE PONT-“. I migliori studiosi epigrafisti, tra cui Mommsen, non sono mai riusciti a risolvere il caso. L’epigrafe si dice appartenesse al Monumento Sepolcrale di Ponzio Pilato, ma è un’ipotesi molto remota. La fontana è composta da blocchi di pietra locale provenienti da un certo numero di edifici romani della città, ed è formata da una serie di archi a tutto sesto. Al centro della fontana vi è una lastra di marmo più grande delle altre, decorata con due delfini e un fiore, di origine romana e forse proveniente da un edificio sepolcrale. A sostegno delle colonne ci sono dei capitelli di forme diverse, per lo più ioniche. Oltre all’epigrafe di cui sopra, ce n’è una dedicata agli Dei Mani sul fondo della fontana, un’altra sul lato destro che indica la costruzione di una fontana in epoca medioevale e un’altra incastonata nel lato destro con uno stemma: l’epigrafe è FONS ISTE/CUIUS POSIT/RAMPINIANI/ME PARABIS, mentre lo stemma è formato da uno scudo in rilievo e una croce uncinata che si presume appartenente alla famiglia Rampino. Si può quindi affermare che la fontana non risalga a un periodo storico preciso ma sia un insieme di reperti di periodi storici diversi, essendo costruita non soltanto con pezzi di origine romana ma anche accorpando fontane già esistenti.

Sotto il pavimento del centro storico, vi sono i resti di cisterne romane. A Aesernia, come in tutto il territorio romano, vi erano fontane pubbliche e case private con acqua corrente e questo era dovuto alla grande maestria dei Romani. Una fitta rete di canali permetteva di portare l’acqua ridistribuita in cisterne che servivano a conservare l’acqua.

L’antico acquedotto romano parte dal ponte S. Leonardo, e va fino al cosiddetto Pozzo. In questo punto se ne devia un ramo che corre all’interno della città, che anima sette fontane pubbliche e circa 45 private, mentre l’altro ramo, nel quale scorre un maggior volume di acque, anima varie macchine idrauliche. Si tratta di una delle opere di ingegneria romana più straordinaria che ancora si conserva a Isernia, scavato nelle viscere della città, che è in funzione senza interruzione da oltre 2.000 anni, scavato nelle rocce travertiniche nel sottosuolo della bella Isernia. Non esiste alcun documento epigrafico per documentare l’epoca della sua costruzione, ma molti studiosi suppongono che sia di molto anteriore al periodo imperiale, forse da mettere in relazione alla fondazione della colonia latina nel III secolo a.C.. Altri studiosi, invece, sostengono che possa essere di epoca traiana. Le acque vengono captate attraverso una serie di canali di drenaggio costruiti artificialmente per convogliare le varie vene acquifere ad un unico pozzo che costituisce il vero inizio del condotto. A proposito di acque, si trova in contrada Acqua Sulfurea uno stabilimento termale in disuso da molto tempo, nel quale è presente una fontana di acqua solfurea ancora funzionante.

Dove ora sorge la Cattedrale di San Pietro, in piazza Andrea di Isernia, si incrociavano cardo e decumano: era qui presente l’area pubblica, con il foro, il teatro e il tempio. La Cattedrale sorge proprio sulla base dell’antico tempio pagano italico del III secolo a.C., dedicato a Giove. Le sue basi e il grandioso podio furono poi utilizzati dai cristiani che vi costruirono appunto una cattedrale. Il tempio latino non aveva l’ingresso verso la piazza del Mercato. Alle sue celle si accedeva originariamente da una grande scalinata sistemata nella parte opposta all’attuale ingresso, all’altezza di un vicolo dedicato a Giobbe che altro non è che la trasformazione dell’originario termine latino di Jovis. Il vico di Giobbe, quindi, è l’antica via di Giove, attraverso cui si arrivava al grande tempio dedicato alla triade capitolina: Giove, Giunone e Minerva. Per la costruzione dell’edificio attuale alcuni materiali dell’antico tempio sono stati riciclati e ciò ha chiaramente reso più difficoltoso la ricostruzione delle fattezze dell’antico stabile. Scendendo al di sotto del pavimento della Chiesa troviamo questi resti italici. Il podio è unico perché ha una forma strana, “a doppio cuscino” per le sue sporgenze che ricordano un cuscino di certo non comodo ma che è una rarità. Il tempio fu poi dedicato al Divo Giulio Cesare, venendo rivestito di marmo.

Anche l’Eremo dei Ss. Cosma e Damiano fu costruito, come la cattedrale, sovrapponendolo a un antico tempio pagano. Nel 1781, sir W. Hamilton, ministro di S. M. Britannica alla corte di Napoli, indirizzò a sir Joseph Banks, baronetto, presidente della Società Reale, una lettera in cui affermava di aver scoperto che poco lontano dalla provincia veniva ancora reso una sorte di culto a Priapo seppure sotto nuova denominazione: San Cosma. “In Isernia Città Sannitica, oggi della provincia del Contado di Molise, ogni anno il 27 Sett. vi è una Fiera delle classi delle perdonanze, così dette negl’Abruzzi li gran mercati, e fiere non di lista. Questa fiera si fa sopra di una collinetta dove nella parte più elevata vi è un’antica Chiesa con un vestibolo. La chiesa è dedicata ai Santi Cosma e Damiano. Nella fiera e in città vi sono molti divoti, che vendono membri virili di cera di diverse forme, e di tutte le grandezze, fino ad un palmo; e mischiate vi sono ancora gambe, braccia, e faccie ma poche sono queste. Quei che li vendono, tengono un cesto, e un piatto; li membri sono nel cesto, e il piatto serve per raccogliere il danaro d’elemosina… Qui si ricevono messe e litanie… Questa divozione è tutta delle Donne, e sono pochissimi quelli, o quelle, che presentano gambe, e braccia, mentre tutta la gran festa s’aggira a profitto dei membri della generazione. Io ho inteso dire ad una donna: San Cosma benedetto, così lo voglio. Altre dicevano: San Cosma a te mi raccomando; altre: San Cosma ringrazio; e questo e quello osservai, e si prattica nel vestibolo, baciando ogn’una il voto che presenta. Dentro la Chiesa nell’altar maggiore un canonico fa le sante unzioni con l’olio di San Cosma. La ricetta di quell’olio è la stessa del Rituale Romano, con l’aggiunta dell’orazione dei S.S. martiri, Cosma e Damiano. Si presentano all’Altare gli Infermi d’ogni male, snudano la parte offesa, anche l’originale della copia di cera, ed il Canonico ungendoli dice, Per intercessionem beati Cosmi, liberet te ab omni malo. Amen. Finisce la festa con dividersi li Canonici la cera ed il denaro, e con ritornar gravide molte donne sterili maritate, a profitto della popolazione delle Provincie; e spesso la grazia s’estende senza meraviglia, alle Zitelle, e vedove, che per due notti hanno dormito, alcune nella Chiesa de’ P.P. Zoccolanti, ed altre delli Cappuccini, non essendoci in Isernia Case locande per alloggiare tutto il numero di gente, che concorre: onde li frati, ajutando ai preti, danno le Chiese alle Donne, ed i Portici agl’uomini; e così Divisi succedento gravidanza non deve dubitarsi, che sia opera tutta miracolosa, e di divozione”.

Altre chiese della città sono la Chiesa di San Francesco, fatta costruire nel 1222 da San Francesco d’Assisi e che tradizionalmente è nota anche come Chiesa di Sant’Antonio. Vi sono, inoltre, la Chiesa di Santa Chiara, il Monastero di Santa Maria delle Monache, costruito intorno all’anno 1000, che ha ospitato le monache dell’ordine benedettino, nelle cui stanze sono oggi presenti il Museo Nazionale, la Biblioteca Comunale di Isernia e parte del Museo paleolitico di Isernia. La Chiesa di San Giuseppe lavoratore, nel rione San Lazzaro, il più popoloso della città, la Chiesa di San Pietro Celestino, la Chiesa dell’Immacolata Concezione, sede della Confraternita di San Pietro, la Chiesa di Santa Maria Assunta, di recente costruzione, la Parrocchia Sacro Cuore.

Arte tradizionale e simbolica della città di Isernia è la lavorazione del merletto a tombolo, tanto che il capoluogo molisano viene definito la città dei merletti. Una delle caratteristiche che più contraddistingue il tombolo isernino, oltre alla finissima fattura, è un tipo di filo prodotto in zona di colore avorio che rende tutto il lavoro più luminoso e molto elegante. Il Tombolo si introdusse nella città in epoche antichissime, si presume infatti che la diffusione di questa splendida arte risalga al XIV secolo, per mano di un gruppo di suore spagnole che alloggiavano nel monastero di Santa Maria delle Monache. Col passare del tempo il Tombolo è stato lavorato sempre meno in maniera artigianale e sempre più in maniera industriale. L’arte del tombolo è anche una materia scolastica presso l’Istituto d’arte della città.

Tra i festeggiamenti religiosi isernini, ricordiamo quelli che avvengono durante il Venerdì Santo, con la tradizionale processione degli incappucciati, fedeli che per un voto di penitenza si cingono la testa con una corona di spine e partecipano alla processione incappucciati da un telo bianco, recando croci e camminando a volte scalzi. Tra il 28 e il 29 giugno, in occasione dei festeggiamenti in onore dei santi Pietro e Paolo, si svolge la Fiera delle Cipolle, nata per favorire il commercio di questo ortaggio, tipico della zona. A dicembre invece si svolge la Fiera del Tartufo Bianco Molisano, un evento che raccoglie molti appassionati e raccoglitori. Non si deve dimenticare, infatti, che il tartufo bianco molisano contribuisce al fabbisogno nazionale con una percentuale non poco considerevole: circa il 40 percento della domanda nazionale ed è certamente fra i più pregiati e prelibati. La gastronomia isernina, come tutta quella molisana in generale, offre una varietà gastronomica legata soprattutto all’allevamento e alla tradizione contadina. Degni di nota sono i turcinelli, interiora d’agnello avvolte nelle frattaglie e poi arrostite, oltre che la polenta con i fagioli, chiamata ru macche, e i frattaruoli, tocchetti di polenta con salsiccia. Ricordiamo, inoltre, il piatto unico ru sciarone: si tratta di mezzelune di pasta ripiene con uova e formaggi.

VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Print Friendly